Cadaveri nei rifiuti o fatti a pezzi: così liberavano i posti in cimitero

Cadaveri nei rifiuti o fatti a pezzi. Questa l’opera di alcune persone che volevano lucrare sui posti in cimitero. Ecco cos’è successo. 

In base alle ricostruzioni i responsabili avrebbero svuotato diversi loculi tramite questo modus operandi, rimanendo per molto tempo impuniti.

I responsabili avevano l’obiettivo di lucrare su posti che avevano liberato. La vicenda si è svolta nel cimitero di Tropea, luogo in cui la comunità è ancora sconvolta.

Cadaveri nei rifiuti o fatti a pezzi: “condotte raccapriccianti”

Bruciati o gettati nei cassonetti, è così che i responsabili si sbarazzavano delle salme. Grazie alle indagini dei finanzieri del Comando provinciale di Vibo Valentia è scattato l’arresto per tre persone. Contro di loro ci sono molteplici accuse: violazione di sepolcro, distruzione di cadavere, illecito smaltimento di rifiuti speciali cimiteriali e peculato.

Leggi anche -> Franco Marini, morto a 87 anni l’ex presidente del Senato

I provvedimenti sono stati eseguiti nei confronti di Francesco Trecate, del figlio Salvatore e Roberto Cintartese. I primi due erano già noti alle forze dell’ordine. L’accusa ha anche utilizzato le immagini di un impianto di videosorveglianza di un’area interna del cimitero.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I tre procedevano senza farsi troppi problemi. Rimuovevano le salme di persone decedute da molti anni, anche se non decomposti, bruciando i resti o gettandoli nei cassonetti della raccolta urbana. Ad aggravare ulteriormente la loro posizione è l’uso indebito di un automezzo dell’Amministrazione comunale. Il veicolo sarebbe stato preso da Trecate in quanto è un incaricato di pubblico servizio.

Leggi anche -> Bimbo di 20 mesi rapito per strada: immagini choc delle telecamere di sicurezza

“I reati sono stati portati a compimento con condotte raccapriccianti e con offesa alla pietà dei defunti”, ha dichiarato il procuratore di Vibo Valentia, Camillo Falvo. Il magistrato ha poi invitato i cittadini a controllare l’effettiva permanenza delle tombe dei propri cari. Sempre in base alle ricostruzioni, molte persone sapevano cosa succedeva in cimitero, ma nessuno aveva mai denunciato i fatti.