Burioni contro Le Iene: “Mi portano bene, seconda sberla”

Il noto virologo Roberto Burioni, fondatore di Medical Facts, contro la trasmissione Le Iene: “Mi portano bene, seconda sberla”.

(screenshot video)

Prosegue la battaglia legale tra il noto virologo Roberto Burioni e la trasmissione televisiva Le Iene: il medico, attraverso la sua pagina Facebook Medical Facts, ironizza facendo proprio un noto claim: “Le Iene portano bene, ma solo a me. Per loro si mette male. Seconda sberla dal Tribunale del Riesame”.

LEGGI ANCHE –> Burioni Le Iene | il virologo | “Bugie del programma Mediaset verso me”

Secondo Burioni, due servizi della popolare trasmissione “che mi accusavano di parlare di COVID-19 con un conflitto di interesse” e che sono andati in onda la scorsa estate sarebbero diffamatori. Il virologo, oltre a respingere fermamente l’accusa di conflitto di interesse, sottolinea di non essere mai stati contattato.

LEGGI ANCHE –> Roberto Burioni: il virologo contro Le Iene, ottiene una prima vittoria

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il secondo round della querelle tra Roberto Burioni e Le Iene

(screenshot video)

Solo dopo la messa in onda del programma, la trasmissione avrebbe chiesto un confronto, sentendosi replicare che questo “ci sarebbe stato, ma in tribunale”. Nelle scorse settimane, era arrivata la prima sentenza del gip, che aveva disposto il sequestro dei servizi delle Iene. C’era poi stato il ricorso davanti al Tribunale del Riesame da parte della rete e della produzione, chiedendo che la misura del sequestro venisse annullata.

Il Riesame ha respinto quel ricorso e il dottor Burioni evidenzia come in questa querelle in corso “a decidere non sono gli utenti dei social con i loro ‘like’ o gli spettatori con il televoto”, bensì ci sono “giudici in carne e ossa che possono soppesare i fatti, le ragioni mie e delle Iene e infine decidere chi ha ragione”. Il noto virologo esulta: “Per ora ho ragione io, un GIP l’ha detto e il Tribunale del Riesame l’ha confermato”. Infine la domanda: “Non è forse arrivato il momento di ammettere di avere sbagliato e chiedermi scusa?”.

burioni asintomatico malato