Sestriere Valanga: dispersi due alpinisti, chi sono e da dove vengono

Drammatiche ore sul Sestriere a causa di una valanga: dispersi in queste ore due alpinisti, chi sono e da dove vengono.

(screenshot video)

Sono ore drammatiche quelle che si vivono in montagna sulle Alpi, in particolare sul Sestriere, in provincia di Torino. Infatti, a quanto pare due scialpinisti risultano dispersi e si teme per la loro vita, in quanto si ritiene che possano essere stati travolti da una valanga. Lo rende noto il  Soccorso Alpino Piemontese.

Leggi anche –> Mirko Rosa MirkOro arrestato in Svizzera, beffato dai video su TikTok

Si spiega infatti in un comunicato di queste ore del Soccorso Alpino Piemontese: “Da una prima ricognizione effettuata da valle con il binocolo, è stato notato un evidente distacco di neve al confine tra i comuni di Cesana e Sauze di Cesana”. Insomma, i due alpinisti è probabile che siano rimasti lì sotto, ma si continua a sperare.

Leggi anche –> Dramma Hellas Verona: Andrea Gresele gravissimo, incidente choc

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi sono i due alpinisti dispersi dopo la valanga sul Sestriere

L’eliambulanza insieme alle squadre del Suem 118 sono sul posto per una ricognizione, intanto proseguono le ricerche per individuare le due persone coinvolte. Al lavoro tecnici del Soccorso alpino e speleologico piemontese, insieme ai militari dell’Arma dei Carabinieri di Sestriere, che hanno lanciato immediatamente l’allarme. Da quello che sappiamo finora, i due dispersi sul Sestriere a causa della valanga sarebbero due uomini.

I primi a dare l’allarme sono stati i congiunti di uno degli escursionisti non vedendolo rientrare dopo l’uscita insieme a un amico. Entrambi gli alpinisti dispersi in queste ore sul Sestriere sarebbero di Torino. Nella zona, stanno lavorando decine di volontari del soccorso alpino, ma anche uomini della Guardia di Finanza e appunto carabinieri. Le ricerche, secondo quanto si apprende, andrebbero avanti da diverse ore e starebbero per essere sospese viste le precarie condizioni di luminosità.