Puglia, verso l’obbligo dei vaccini: un sanitario su tre rifiuta

Vaccini al personale sanitario, in Puglia scoppia il caso: «Uno su tre si rifiuta». Si pensa all’obbligo

vaccino AstraZeneca Italia
Arrivo vaccino AstraZeneca Italia FOTO Getty Images

I vaccini rischiano di diventare un caso per la presenza di rifiuti alla somministrazione. Se per ora non lo è ancora nel resto del paese, il caso si è già sviluppato in Puglia. La regione governata da Emiliano starebbe pensando seriamente di chiedere l’obbligo. Secondo i dati raccolti, infatti, nel personale sanitario uno su tre non vuole vaccinarsi. Una proporzione grave, che rischia di mettere in pericolo tutto il piano di vaccinazioni. A questo, infatti, bisogna aggiungere che l’immunità di gregge è difficile da raggiungere ora che sono presenti le varianti più disparate al virus. Ecco perchè Fabiano Amati, esponente del Pd e presidente della commissione Bilancio e programmazione della Regione Puglia, ha lanciato l’allarme: “Il rifiuto della vaccinazione» anti Covid «tra il personale sanitario ha percentuali preoccupanti, in alcune province si stima circa il 30%, e in tanti stanno addirittura rifiutando il richiamo. Una situazione gravissima che suggerisce la decisione di portare subito in aula la legge sull’obbligo”. 

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

In Puglia scoppia il caso vaccini

Amati sottolinea sulle pagine di Leggo quanto la decisione di non vaccinarsi non è un atto di libertà ma un mancato rispetto della salute altrui: “In generale – prosegue il presidente – non si può scegliere di contagiare gli altri, figurarsi in ambito sanitario e per di più nell’ambito delle iniziative di contrasto a una delle più grandi e gravi pandemie registrate nella storia conosciuta dell’umanità. Gli operatori sanitari dovrebbero essere i primi a volere l’ampia diffusione della pratica vaccinale, proprio perché sanno meglio degli altri cosa significhi ammalarsi di Covid-19.

Leggi anche > L’esperto: “La zona gialla è un pericolo”

Per questo – afferma in conclusione – un rifiuto non può essere interpretato come un atto di libertà individuale, ma come disprezzo della salute altrui. A questo punto l’obbligo mi sembra ancor più indispensabile».

Leggi anche > Palestre e piscine verso la riapertura