Laura Efrikian, l’amore dopo la fine della storia con Gianni Moranid: chi era lui

Laura Efrikian ha ritrovato l’amore. Per lei è scoccata la scintilla con un italiano. Ecco cos’è successo e come sta oggi. 

La Efrikian  e Morando sono stati sposati dal 1966 al 1979. I due si erano conosciuti quando il cantante era agli inizi della sua carriera.

Anche lei era agli esordi della sua carriera da attrice e aveva debuttato sul grande schermo con il film “Ercole alla conquista di Atlantide”. Tra loro scattò un colpo di fulmine: un amore intenso che sfociò nel matrimonio dopo soli due anni di fidanzamento. Dopo 13 anni hanno preso strade diverse e la donna aveva trovato nuovo amore.

Laura Efrikian: “Io a Roma, lui in Africa”

Dopo il divorzio, Morandi si è sposato nel 2004 con Anna Dan, mentre la Efrikian aveva intrapreso una relazione a distanza. La ha sempre voluto evidenziare come non avesse mai sentito la necessità di ricostruire un’altra famiglia.

Leggi anche -> Laura Efrikian, chi era il padre Angelo: celebre violinista, la sua storia

“Sono stata legata per alcuni anni a un uomo, un italiano conosciuto in Kenya dove si trovava per lavoro. Il caso vuole che sia coetaneo di Gianni”, aveva raccontato. Sempre in base al suo racconto la storia avrebbe funzionato soprattutto grazie alla distanza. Sfortunatamente sembra che tra lei e il misterioso uomo non sia andata a buon fine. La relazione si sarebbe interrotta da alcuni mesi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

A seguito di questa relazione la Efrikian sembra essere sempre stata da sola. Dopo questa esperienza nel suo cuore c’è spazio per un solo grande amore: quello per l’Africa. Nel ’94 aveva comprato anche una casa in Kenya. “Tutto è cominciato per caso. Un viaggio che doveva durare 15 giorni, dura ancora oggi. Da allora non mi sono più allontanata dall’Africa”, aveva raccontato per poi aggiungere: “Lì oggi mi occupo di tante persone alle quali voglio bene e che voglio aiutare“.

Leggi anche -> Gianni Morandi, l’ex moglie ricorda la morte della figlia: “Me lo disse così”

Se una parte del suo cuore è occupata dall’Africa, tutto il resto è occupato dai suoi nipoti. “Spero che uno dei miei cinque nipoti faccia il calciatore o decida di avere una fattoria. Vorrei che almeno uno in famiglia non cantasse. Io sono una creativa, ma non so cantare“, aveva raccontato scherzosamente.