Coppia muore in montagna davanti alla figlia: alla tragedia segue una truffa

Una coppia muore in montagna davanti agli occhi terrorizzati della figlia. Dopo la tragedia c’è chi sta cercando di lucrare sulla vicenda.

Una settimana fa circa, Fabrizio Martino Marchi e Valeria Coletta sono morti su un sentiero montano conosciuto come il “Salto degli sposi”, sito sulle montagne bresciane. La coppia si allenava spesso, lui svolgeva allenamenti costanti per partecipare all’Iron Man e la moglie era altrettanto appassionata di sport. Su quel sentiero si erano allenati diverse volte, dunque per la coppia si trattava di un percorso routinario.

La scorsa settimana, però, qualcosa è andato storto: Valeria è scivolata e Fabrizio con prontezza di riflessi le aveva afferrato la mano nel vano tentativo di salvarle la vita. Nella speranza di portarla in salvo, infatti, l’uomo è precipitato insieme a lei nel precipizio ed entrambi hanno perso la vita davanti allo sguardo impietrito della figlia di soli 5 anni. Una tragedia devastante per una piccola che oggi si trova da sola al mondo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La truffa sul dolore della bimba rimasta orfana

Il dramma della coppia ha letteralmente sconvolto gli amici delle vittime e la comunità in cui vivevano. Il funerale si è tenuto il 3 febbraio scorso e sabato 6 febbraio gli amici hanno voluto organizzare una manifestazione d’addio per la coppia nei pressi dei navigli, zona in cui Fabrizio e Valeria erano soliti allenarsi. Una manifestazione d’affetto sincero nei confronti di due persone morte troppo giovani in circostanze sfortunate.

Leggi anche ->Donna uccisa, delitto in strada nel Milanese, la scoperta degli inquirenti

Un’amica della coppia ha anche dato vita ad una colletta destinata alla figlia. Una raccolta fondi destinata al sostentamento futuro della bambina che ha già raccolto 8mila adesioni e 360mila euro. Ma proprio questa solidarietà ha spinto alcuni individui a cercare di lucrare sul dolore della piccola. Sono già tre le raccolte fonti finte scoperte e bloccate dal portale GoFundMe. Gli autori cercavano di lucrare sul dramma fingendo di voler aiutare la piccola, ma avrebbero destinato i fondi ai propri interessi. Dopo l’accaduto la Polizia Postale ha invitato i cittadini a fare attenzione quando si è intenzionati a fare beneficienza.

Leggi anche ->Grave incidente in A14, muoiono volontari Enpa: trasportavano cuccioli da adottare