Bimbo di 20 mesi rapito per strada: immagini choc delle telecamere di sicurezza

Un filmato terrificante mostra un “ladro di bambini” che cammina su e giù per una strada prima di prelevare un bebè dalla sua culla. 

Il video sta facendo il giro del web da ieri, quando è stato denunciato il rapimento di un bambino di soli 20 mesi a Brisbane, in Australia. Le terrificanti immagini mostrano un uomo mascherato che cammina su e giù per una strada prima di prelevare il piccolo dalla sua culla, la scorsa domenica appena dopo le 4 del mattino. Per fortuna il bimbo è rimasto illeso dopo la terribile disavventura.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Scene da film in una strada di Brisbane

La polizia del Queensland lanciato l’allarme dopo che i familiari del piccolo si sono svegliati e hanno trovato la porta della sua camera da letto spalancata e nessuna traccia di lui. Circa sei ore dopo il rapimento, come accennato, il bambino è stato ritrovato “sano e salvo” e il rapitore è stato fermato e formalmente accusato. Era in una casa a Salisbury, a 15 minuti di auto dalla sua abitazione

Leggi anche –> Bimba di 8 anni rapita dai vicini di casa: aperta la caccia all’uomo

Al sospetto, 31 anni, è stata rifiutata la libertà su cauzione: ha affermato di essere malato di schizofrenia non diagnostica e che “aveva sentito delle voci” prima dell’orribile gesto di cui si è reso autore. Il magistrato di turno ha deciso che l’imputato – le cui generalità non sono state rese note per motivi legali – rappresenta un “rischio inaccettabile” per la comunità.

L’uomo in questione, si è appreso nel frattempo, non è biologicamente imparentato con il bambino, ma in passato aveva frequentato per un breve periodo sua madre. Le immagini che lo inchiodano sono state riprese da un circuito di telecamere di sicurezza. Il nonno del bambino, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha spiegato a 9 News: “E’ stato davvero grande shock, un’esperienza spaventosa. Sto ancora tremando all’idea che un perfetto sconosciuto abbia potuto intrufolarsi in casa nostra. Avrebbe potuto fare qualcosa di ancora più grave… Potremmo essere stati tutti feriti”. Non è ancora chiaro quali fossero le esatte motivazioni del rapitore.

Leggi anche –> Cerca di rapire due bimbe alla fermata del bus: aperta la caccia all’uomo