Malore a Il Cantante Mascherato, Franco Gatti confessa: “Ho avuto paura di morire”

Franco Gatti confessa l’accaduto a Il Cantante Mascherato, dentro i costumi di Milly Carlucci si soffoca: “Ho avuto paura di morire”.

Nonostante Milly Carlucci abbia tentato di minimizzare tutto, i Ricchi e Poveri si sono davvero sentiti molto male sotto la maschera di Baby Alieno, in gioco durante la prima puntata dello show “Il cantante mascherato”. Franco Gatti ha raccontato l’accaduto al settimanale Di Più.

Franco Gatti quasi soffocato dentro ai costumi de Il Cantante Mascherato

Il cantante, 78 anni, ha ammesso che partecipare allo show di Rai 1 è stata una tortura, e che sotto la maschera di Baby Alieno stava per soffocare. Gatti ha confessato di aver avuto il Coronavirus pochi mesi fa, motivo per cui probabilmente si è sentito così male dentro il costume: “Ci saranno stati 40 gradi dentro quel pupazzone, non circolava l’aria, io avevo il naso chiuso. Non riuscivo a respirare, boccheggiavo, forse ancora per effetto del Covid che ho avuto lo scorso ottobre. Ma sono un professionista e mi sono detto: resisti, sei in televisione. Poi però non ce l’ho proprio fatta. Ho avuto paura di morire”.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Il cantante mascherato, malore in diretta: Milly Carlucci interrompe tutto

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Franco ha spiegato ai giornalisti che all’interno di Baby Alieno ci sono alcune manopole e un palo, che servono per poter muovere gli occhi, le orecchie e le braccia del pupazzo. Nascosti dentro al costume, ogni componente del gruppo aveva un compito: “Stavamo davvero stretti, ci intralciavamo l’un l’altro. E faceva un gran caldo. Io non respiravo bene: ho cominciato a sentire che mi mancava l’aria. Non vedevo l’ora di uscire”. Rendendosi conto che qualcosa stava andando male, Milly Carlucci è allora corsa a coprire la maschera e a chiedere la pubblicità. La situazione poi è peggiorata e il costume si è rotto. Una volta dietro le quinte i Ricchi e Poveri hanno deciso in comune accordo di abbandonare la competizione.