Bambino guarisce dal Covid ma la ricaduta gli causa un infarto

Un bambino guarisce dal Covid, ma settimane dopo si riammala. I sintomi sono così gravi da indurgli un infarto. Ecco le cause. 

Lo sfortunato protagonista della vicenda è Anthony Rodriguez Jr. Il bambino ha solo 8 anni ma ha già rischiato la vita.

Anthony vive a Beaumont, California, con la sua famiglia. Aveva preso per la prima volta il Covid a Dicembre, ma sembrava essersi completamente rimesso. Ecco cosa gli è successo.

Bambino guarisce dal Covid, dopo la ricaduta rischia di morire

In base alle dichiarazioni dei genitori, il bambino aveva contratto una forma molto blanda del virus e dopo qualche settimana di malattia sembrava essere completamente guarito. Anche i genitori avevano preso il Covid, ma sempre il forma lieve.

Leggi anche -> Piano vaccini Italia, cosa ostacola la produzione sul nostro territorio

I problemi sono iniziati circa cinque o sei settimane dopo la guarigione. Il bambino ha cominciato ad avere qualche linea di febbre, a sentirsi stanco e ad avere gli occhi rossi. Per la seconda volta gli viene diagnosticato il Covid con successivo ordine di quarantena.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le condizioni del bambino continuavano a peggiore. Una ricerca su Internet fa scoprire ai genitori l’esistenza della sindrome multisistemica infiammatoria. Una malattia direttamente collegata al Covid che si sviluppa dalle due alle quattro settimane dopo essere stati esposti al virus.

Leggi anche -> Parlano i Long Covid, i guariti che non hanno mai smesso di accusare sintomi

Visto l’aggravarsi delle condizioni del piccolo, i genitori decidono di correre in ospedale dove viene ricoverato d’urgenza. “Ci hanno detto che il suo corpo era in shock settico“, ha commentato il padre. I dottori sono certi che Anthony si rimetterà completamente, ma gli esperi ricordano l’importanza di tenere sotto controllo questi sintomi. Tra questi ultimi, oltre all’affaticamento ci sono: diarrea, mani e piedi gonfi  e rash cutaneo.