Napoli, Koulibaly positivo in un momento decisivo : come cambierà la difesa

Il difensore del Napoli sarà assente nelle prossime importanti gare. Probabile passaggio alla difesa a tre per Gattuso

Gattuso – foto viagginews

Il Napoli perde un altro pezzo importante in una fase delicata della sua stagione. Koulibaly è appena risultato positivo fanno sapere dalla società azzurra. Il legame con Ghoulam, anche lui positivo, aveva fatto temere questa defezione. Il giocatore è fortunatamente asintomatico e sta in isolamento. Intanto Gattuso dovrà inventarsi una difesa in un momento molto delicato. La sua panchina è al centro di contestazioni da parte della stampa e il tecnico ha accusato il club di aver sentito altri allenatori. Un momento duro dal quale la squadra sta cercando di uscire con i buoni risultati delle ultime tre uscite. Due vittorie e un pareggio contro l’Atalanta in coppa stavano proiettato Gattuso lontano da eventuali decisioni clamorose.

Napoli, ipotesi difesa a tre

A questo punto l’allenatore calabrese potrebbe sciogliere i dubbi e scegliere ancora la difesa “a tre” già provata nelle ultime due gare. Sarebbe la soluzione migliore per soffrire il meno possibile l’assenza pesante del forte difensore senegalese. Hysaj potrebbe essere schierato da centrale insieme a Maksimovic e Manolas e anche Rrahmani potrebbe tornare utile. L’ex Verona, infatti, ha fatto bene lo scorso anno in maglia scaligera giocando con questa impostazione difensiva. Per domani sera Gattuso aveva in mente di tornare al 4-3-3 proposto all’inizio contro il Parma. Ora, per la sfida di domani al Ferraris, è tutto da vedere. Il genoa è in un buon momento da quando Ballardini è al timone della squadra ligure.

Leggi anche > Fiorentina-Inter, formazioni e precedenti

Oltre a Koulibaly, Gattuso a Genova dovrebbe fare a meno anche di Insigne dal primo minuto. Il capitano ha accusato una botta al polpaccio in coppa e dovrebbe partire dalla panchina. Mertens è sempre assente mentre Osimhen deve ritrovare la condizione atletica. Gattuso e il Napoli devono stringere i denti.

Leggi anche > Champions, verso la nuova formula

Stadio Maradona (Francesco Pecoraro/Getty Images)