Morta Dianne Durham: fu la prima campionessa di ginnastica USA di colore

Un grave lutto ha colpito nelle scorse ore lo sport, morta Dianne Durham: fu la prima campionessa di ginnastica USA di colore.

(screenshot video)

Dianne Durham, la prima campionessa nazionale afroamericana senior di ginnastica e una pioniera in questo sport per le donne di colore, è morta dopo una breve malattia. Lo ha riferito suo marito, Tom Drahozal. L’ex atleta è morta in un ospedale di Chicago, con Drahozal e sua sorella, Alice Durham, al suo fianco. Aveva 52 anni.

Leggi anche –> Ragazzo morto in incidente, 19enne si schianta per evitare un cane

“È morta pacificamente” – ha detto Drahozal a ESPN – “Era l’amore della mia vita e tutto quello che avrei potuto chiedere. Era una persona bella nella vita di sempre, lontana dalla ginnastica come lo era nello sport”. La Durham e la sua compagna di squadra, Mary Lou Retton, hanno di fatto cambiato la storia della ginnastica.

Leggi anche –> Si tuffa nell’acqua a -20 gradi per salvare un cane – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Lutto nella ginnastica: morta Dianne Durham, pioniera delle atlete di colore

Conosciuta per la sua combinazione di grazia, abilità artistica e forza, così come per la sua personalità gioiosa, la campionessa di ginnastica ottenne dei risultati davvero prestigiosi e la sua rivalità con l’amica Retton fu davvero uno dei momenti più intensi delle competizioni di ginnastica in quegli anni. Dianne Durham a causa di una combinazione di infortuni e politica venne poi progressivamente allontanata dalla nazionale americana.

Ma è il suo successo come campionessa nazionale senior nel 1983, che ha lanciato non solo la Durham ma i suoi allenatori, Bela e Martha Karolyi, sulla scena nazionale, quello per cui è ricordata. Divenne dunque la prima nera a ottenere quel titolo e in un’intervista ha confessato di non riuscire a percepirne l’importanza: “Non riuscivo a capire perché fosse un affare così enorme”. Per lei, quella vittoria, sebbene duramente combattuta, era semplicemente un passo nel suo cammino verso le Olimpiadi. Ma i giochi olimpici non arrivarono mai.