Coronavirus, Anne Feeney morta: addio alla cantante folk

Un nuovo lutto tra personaggi noti a causa del Coronavirus, Anne Feeney morta: addio alla cantante folk, il tributo di Tom Morello.

(screenshot video)

Anne Feeney, una parte fondamentale del movimento di musica folk negli Usa nonché attivista politica e sindacale impegnata su più fronti, è morta a Pittsburgh, in Pennsylvania, per le complicazioni del Covid-19. Aveva 69 anni e sua figlia, Amy Sue Berlin, ha annunciato la sua morte su Facebook.

Leggi anche –> Covid, la foto simbolo del ristoratore affranto per la chiusura: “Mazzata finale”

La Feeney è stata una delle principali protagoniste del circuito folk, oltre che la prima donna presidente di un sindacato di musicisti negli Stati Uniti. Inoltre è stata una collaboratrice regolare con icone folk come Pete Seeger, John Prine e Peter Paul e Mary. Il suo inno Have You Been to Jail for Justice viene cantato in tutto il mondo.

Leggi anche –> Covid, nuove direttive del Cts: la svolta sui ristoranti

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi era Anne Feeney, la cantante morta: il tributo di Tom Morello

La sua carriera comprendeva più di 4.000 spettacoli in Nord America ed Europa: in particolare si è esibita in picchetti di fabbrica e manifestazioni di protesta, oltre che in circoli culturali. La sua performance alle proteste dell’Organizzazione mondiale del commercio nel 1999 è stata descritta nel documentario This is What Democracy Looks Like. Ha organizzato dozzine di tour a sostegno di varie cause, in particolare quella della tutela della salute nei posti di lavoro.

Ha pubblicato 12 album nel corso della sua carriera e ha condiviso i palchi con chiunque: classe 1951, laureata presso l’Università di Pittsburgh School of Law nel 1978, Anne Feeney è stata ricordata anche da Tom Morello, chitarrista dei Rage Against the Machine. Questi ha dichiarato: “La grande musicista folk Anne Feeney è stata una forza impavida e formidabile per la giustizia e i diritti dei lavoratori, continuerà ad essere un faro di speranza e solidarietà per le generazioni future”.