Cancro, la nuova emergenza dopo la pandemia di Covid

Il cancro sancirà una nuova emergenza. E’ questo il monito che fa tremate il mondo già messo a dura prova dal Covid. 

A dare la notizia è Susanne Schaffert, presidente della Novartis Oncology. La donna ha grande esperienza in questo campo ed è convinta che il 2021 vedrà una grande ripresa della lotta contro il cancro.

Pandemia occulta“, è così che chiama il periodo in cui stiamo vivendo. Le diagnosi e la prevenzione sui tumori sono rallentate di molto a causa della precedenza data al Covid. Nella giornata di oggi, 4 febbraio, la presidente ha lanciato diversi video riguardo tutto ciò che c’è da sapere sul cancro. Analizziamo l’iniziativa più nel dettaglio.

Cancro: “Parliamo del mondo C: dal cancro alle cure”

La Schaffert si mostra in prima linea in una serie di video sulla prevenzione, diagnosi e gestione dei tumori. Tutti questi argomenti possono essere ascoltati sui social di Novartis. Ad oggi, la Schaffert è una delle donne più influenti nel mondo. Ha anche lanciato un messaggio incoraggiante a tutte le donne ai vertici aziendali: “Devono seguire i loro sogni e non arrendersi, le cose stanno cambiando”.

Leggi anche -> Etichette anti-cancro, l’Ue prepara il piano su cibi e bevande rischiose

Il gruppo Novartis è una multinazionale svizzera molto influente. Se si guardano i dati si nota come sia riuscita a crescere nonostante la pandemia. La minore richiesta di medicinali e il rallentamento degli studi clinici hanno fatto vacillare la società che però ha saputo resistere agli scossoni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

E’ stato proprio l’impegno della Schaffert verso l’educazione e la difesa dei pazienti ad aver fatto salire le vendite della parte dell’azienda che si occupa di malati oncologici: “E’ cresciuta del 3% del fatturato, a 14,71miliardi di euro (+10% nel 2019, ndr.), circa il 30% del fatturato di gruppo”.

Leggi anche -> Carolyn Smith, la lezione più preziosa: “Il cancro si batte così”

Gli affari del gruppo Novartis toccano anche l’Italia che ha ben quattro stabilimenti sul suo territorio. Ecco cosa ne pensa la presedente a proposito: “In Italia Novartis ha quattro stabilimenti e 1,6miliardi di fatturato (-2,6% dopo la vendita dello stabilimento Sadoz di Rovereto, ndr.) con 2.330 dipendenti. Resta per noi un mercato chiave, un Paese su cui contare”. Controllo da remoto, medicina personalizzata e strumenti molto avanzati. Queste le proposte della multinazionale per aiutare i malati tumorali durante la pandemia. La Novartis pare essere un’azienda lungimirante e dinamica che sta puntando a rinnovare i vertici aziendali con l’obiettivo è arrivare al più presto a un 50% di manager donna.