Ministro Spadafora, la grave ammissione: “Non conoscevo il mondo dello sport”

Vincenzo Spadafora ha pubblicato un lungo post su Instagram salutando tutti dopo l’incarico come Ministro dello Sport 

Spadafora

Tutto cambia velocemente e così il Ministro Spadafora ha salutato tutti con un lungo post su Instagram. E così è arrivata anche la sua grave ammissione per quanto riguarda il mondo dello sport: “Quando diciassette mesi fa ho giurato come ministro per le Politiche giovanili e lo Sport eravamo in un’altra era, in un momento completamente diverso da questo. Per molti anni avevo seguito le questioni relative ai diritti dell’infanzia e dei giovani, è sempre stato il centro del mio impegno. Non conoscevo invece il mondo dello sport, al quale mi sono avvicinato con curiosità, rispetto e attenzione”.

Leggi anche –> Coronavirus, Spadafora è categorico: “Niente tifosi sugli spalti”

Leggi anche –> Vincenzo Spadafora, che cosa faceva prima di diventare Ministro dello Sport

Ministro Spadafora, la rivelazione

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Un lungo messaggio per spiegare tutto ciò che è accaduto durante l’emergenza Coronavirus: “I primi mesi sono stati entusiasmanti, su entrambi i fronti. Ricordo la gioia di presenziare alla storica vittoria della Ferrari a Monza dopo nove anni, ad esempio. Poi, un anno fa, l’esplosione della pandemia, il lockdown, i sacrifici chiesti a tutti i cittadini. In questi mesi abbiamo lavorato moltissimo per dare sostegno a tutto il mondo dello sport, con i limiti del caso, sicuramente, ma facendo il massimo possibile”. Infine, l’ormai ex Ministro dello Sport ha rivelato: “Il lavoro forse più delicato è stato quello di dare attuazione alla riforma dello Sport. Sono norme innovative che riguardano molti temi, a partire dal professionismo femminile, dalla possibilità per i paralimpici di entrare nei corpi civili e militari, e soprattutto diritti e tutele che diano finalmente la giusta dignità ai lavoratori dello sport”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vincenzo Spadafora (@spadaforavincenzo)

Spadafora