Massimo Troisi, la morte annunciata: i gravi problemi cardiaci

Massimo Troisi, la morte annunciata: i gravi problemi cardiaci. L’attore soffriva fin dall’infanzia di una patologia che non gli ha lasciato scampo. Fu proprio a causa di un attacco cardiaco che l’attore si spense nel 1994.
Massimo Troisi

Il giorno prima di lasciare tutti coloro che gli volevano più bene, Troisi aveva appena concluso la lavorazione de Il postino, che poco dopo gli sarebbe valsa la candidatura ai Premi Oscar come miglior attore e migliore sceneggiatura non originale.

Massimo Troisi, la morte annunciata: i gravi problemi cardiaci e la patologia che lo affliggeva fin dall’infanzia

Febbre reumatica, questa la patologia di cui il grande attore soffriva fin da piccolissimo. Sviluppò inoltre una grave degenerazione della valvola mitrale, complicata dallo scompenso cardiaco, a causa del quale morì all’età di soli 41 anni.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Nathalie Caldonazzo si commuove ricordando la storia d’amore con Massimo Troisi: “Ero con lui quando è morto”

Nel corso di alcune interviste l’attore raccontò di ricordare i propri familiari parlare con preoccupazione del suo problema, sperando di non farsi sentire dal giovane Massimo, che allora aveva solo 14 o 15 anni.
Nel 1993 Troisi venne operato negli Stati Uniti ma purtroppo all’operazione non seguirono i miglioramenti sperati. Così, poco prima di iniziare a girare Il postino, durante un controllo, venne a sapere che entrambe le valvole al titanio si erano deteriorate e che l’attore aveva quindi bisogno di un intervento d’urgenza.

Potrebbe interessarti anche –> Massimo Troisi e la Smorfia: Napoli ricorda il suo mito nell’anniversario della morte

Leggi anche –> Nathalie Caldonazzo e i suoi amori: “Ippoliti un film horror, ma Troisi”

Durante l’intervento, l’attore ebbe un infarto e dopo un mese e mezzo trascorso in ospedale i medici proposero a Troisi di procedere al trapianto.
L’attore mandò avanti le riprese anche se le sue peggiorate condizioni di salute lo portarono a necessitare di una controfigura nelle scene più faticose.
Fu il 4 giugno del 1994 che l’attore si spense nel sonno a Roma, nella casa della sorella, situata nel quartiere dell’Infernetto.
Massimo Troisi