Giuseppe Conte candidato sindaco a Roma, la clamorosa svolta

Giuseppe Conte sembra essere uno dei probabili candidati a sindaco di Roma. Il futuro dell’ex premier non sembra uscire dall’incertezza.  

In un momento di tale incertezza e caos politico, le indiscrezioni e le voci sul futuro dei vari politici si susseguono.

Nel marasma di possibilità, il nome dell’ex premier viene associato a una possibile candidatura alle elezioni amministrative di Roma. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Giuseppe Conte alla guida di una nuova coalizione M5S-PD

Nel caso in cui avvenisse l’effettiva candidatura, Conte sarebbe messo alla guida di una coalizione che raggrupperebbe Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. Sicuramente, potrebbe essere un modo per non sciogliere il legame che si era creato fra i due partiti.

Leggi anche -> Palazzo Chigi, Conte e i dubbi sulle dimissioni: ma il portavoce smentisce

Se i numero della pandemia da Covid-19 continueranno a scendere, le amministrative sono previste per la fine di maggio e l’inizio di giugno. La corsa al Campidoglio vede la comparsa di diversi nomi tra i quali anche quello di Virginia Raggi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La sindaca pentastellata potrebbe correre per un secondo mandato, ma con lei l’alleanza con il Partito Democratico sarebbe impossibile. Ecco perché si cercano nomi alternativi. Tra questi spunta Roberto Gualtieri. Il ministro dell’Economia è una figura che sembrerebbe mettere d’accordo sia i dem che i 5 Stelle.

Leggi anche -> Franco Locatelli, ci sarà o no all’interno del Governo Draghi?

In base alle indiscrezioni si sarebbe fatto anche il nome di Carlo Calenda. Una figura che però presenta delle criticità dato che l’ex ministro non troverebbe l’appoggio dei dem. Dopo la creazione del partito Azione e l’opposizione al governo Conte-bis, per Calenda non sarà facile trovare una convergenza con il PD. Sicuramente Conte potrebbe mettere tutti d’accordo e per l’ex premier potrebbe anche essere una grande opportunità per rimanere in politica nel caso di una ricandidatura a livello nazionale.