Enzo Salvi faceva il giardiniere, poi la svolta improvvisa e la nuova carriera

Tanti oggi sanno chi è Enzo Salvi, volto della cinematografia comica italiana: non tutti però direbbero che prima di diventare attore, l’uomo era un giardiniere. 

Enzo Salvi

Chi non conosce il personaggio di “Er Cipolla”, che Enzo Salvi ha interpretato nel film “Vacanze di Natale 2000”? Dagli adulti ai più piccoli, l’attore è riuscito ad intrattenere con le sue battute il popolo italiano (diventando “l’attore di seconda generazione con più presenze nei cinepanettoni”, così come viene orgogliosamente scritto sul suo sito).

Tanti anni di gavetta

Non è raro sentire di attori comici che, prima di essere riconosciuti per il loro talento, hanno dovuto lavorare sodo. Enzo Salvi, dopo il diploma all’istituto Agrario, ha iniziato a lavorare come giardiniere comunale a Roma: non molto lontano dai palchi dei teatri in cui, anni dopo, si sarebbe esibito in spettacoli sold-out.

Leggi anche -> Enzo Salvi aggredito e picchiato a Ostia: cosa è successo

Quando ancora il suo volto non era uno dei più riconosciuti d’Italia, Enzo Salvi intratteneva i suoi colleghi. Alcuni di loro lo ricordano come un uomo simpatico, sempre con la battuta pronta: divertiti dall’uomo (e sicuri del suo talento), riescono perfino a convincerlo ad intraprendere la carriera di cabarettista.

Leggi anche -> Enzo Salvi, chi è la moglie Laura: età, foto, vita privata, lavoro

I suoi spettacoli a Roma attirano immediatamente l’attenzione del pubblico: così tanto che, nel 1990, l’uomo riesce a debuttare a teatro con la commedia di Plauto “Il Miles Gloriosus“. Solo l’anno dopo Enzo Salvi riesce nuovamente a divertire il pubblico quando fonda con Mariano D’Angelo il duo comico “Mammamia che impressione”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Da quel momento la sua carriera è fatta di successo dopo successo: prima “A qualcuno piace Carlo” (il suo esordio al teatro Brancaccio), poi “Vacanze di Natale 2000”. Nel 2020 appare in “Free – Liberi, regia di Fabrizio Maria Cortese.

Enzo Salvi