Addio a Gianni Mastella: morto il padre della ricerca contro la fibrosi cistica

È morto a Verona, a 90 anni, il professor Gianni Mastella, padre e pioniere della ricerca italiana nella lotta alla fibrosi cistica. Ecco chi era.

E’ morto ieri a Verona all’età di 90 anni, dopo una grave malattia, Gianni Mastella, direttore scientifico e cofondatore della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica, padre e pioniere della ricerca italiana su questo fronte. Per oltre 60 anni il medico aveva studiato la fibrosi, diventando un luminare per lo sviluppo e la conoscenza scientifica sulla fibrosi cistica e un punto di riferimento per malati, familiari, colleghi e ricercatori.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La lezione di vita di Gianni Mastella

“Il professor Gianni Mastella aveva un modo tutto suo di salutare – si legge sulla pagina Facebook della Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica -: ‘addio’ diceva a quanti bussavano al suo studio per salutarlo alla sera prima di tornare a casa. Commossi e grati, teniamo stretta la lezione di lungimiranza e passione del grande medico e infaticabile scienziato. E al suo consueto ‘addio’, preferiamo ‘arrivederci professore’”.

Il presidente della FFC, Matteo Marzotto, ricorda che “il prof. Mastella ha avuto l’intuizione di dare vita, quando ancora la fibrosi cistica era una malattia orfana di Ricerca in Italia, a una fondazione scientifica che mettesse in rete il maggior numero di ricercatori condividendo competenze e informazioni”.

Leggi anche –> Si è spenta Alessia Mantonico, morta di fibrosi cistica a soli 24 anni

Gianni Mastella si era laureato in medicina all’Università di Padova, con una specializzazione in pediatria e competenze in malattie polmonari e gastrointestinali: nel 1957 aveva diagnosticato per primo un caso di fibrosi cistica in Italia, chiamata all’epoca “mucoviscidosi”. Nel 1967 a Verona aveva costituito e diretto il primo Centro di cura per la Fibrosi Cistica d’Italia presso l’attuale Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata, che avrebbe poi assunto un ruolo sempre più rilevante a livello nazionale e internazionale. Sempre a Verona, a inizio anni ’80, si sono gettate in via sperimentale le basi dei primi test per effettuare lo screening neonatale della fibrosi cistica. Dieci anni dopo, su impulso del professore, il Veneto è diventato la regione capofila del progetto pilota, in anticipo di quasi due decenni sugli Stati Uniti.

Nel 1997, insieme agli imprenditori Vittoriano Faganelli e Matteo Marzotto e a Michele Romano, Gianni Mastella ha dato vita alla Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica: il primo ente nazionale a promuovere e finanziare studi scientifici sulla malattia genetica grave più diffusa, oggi riconosciuto dal Miur come Ente promotore dell’attività di Ricerca sulla Fibrosi Cistica.

Leggi anche –> Bimbo di 6 anni con la fibrosi cistica guarisce dal Coronavirus: è un eroe