I medici avvertono: la prossima pandemia mondiale viene da un fungo

Gli esperti mettono in guardia su un fungo che potrebbe portare ad una nuova spaventosa pandemia mondiale. La parola agli scienziati.

pandemia

Ad oggi pandemia è una parola che fa paura. Il Covid ha dimostrato quanto può essere devastante e terribile la diffusione di una malattia e di come se ne possano sottovalutare i sintomi inizialmente. Ora gli scienziati stanno mettendo in guardia per la possibile diffusione di una nuova epidemia mondiale a causa di un fungo che causerebbe un’infezione che assomiglia alla candida. Ecco di cosa si tratta e cosa succede se entra a contatto con l’organismo.

Cos’è l’infezione che potrebbe causare nuova pandemia

Secondo gli esperti e i ricercatori del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, si starebbe sviluppando un’infezione che deriva da un fungo, un po’ come la candida. Peccato che questa, secondo alcuni medici e scienziati, sarebbe quasi certamente fatale se a contatto con il sangue. Il superfungo che sta spaventando tutti si chiama Candida Auris e sarebbe davvero molto pericoloso, tanto da poter sfociare in una nuova pandemia mondiale.

Leggi anche–> Peste bubbonica, nuova emergenza in Cina: “Bimbo di 3 anni positivo”

L’epidemiologa Johanna Rhodes ha dichiarato: “Una cosa che rende la Candida Auris davvero spaventosa è che rimane sulle superfici per lungo periodo e resiste a qualsiasi cosa.” La dottoressa ha anche aggiunto che il fungo avrebbe una grande resistenza alle medicine, un elemento davvero spaventoso nell’ottica di una nuova epidemia mondiale. Sarebbe talmente pericoloso e rapido nella diffusione, da spingere gli scienziati a paragonarlo alla peste.

Leggi anche–> Epidemia, in India malattia misteriosa fa decine di contagi

Gli esperti stanno evidenziando, più in generale, la necessità di tenere traccia delle nuove malattie e infezioni che si potrebbero diffondere, per avere un maggiore controllo in futuro su virus e batteri potenzialmente pericolosi per la salute mondiale, vista l’esperienza Covid.

pandemia