Mario Draghi e il “whatever it takes”: cosa c’è dietro quella frase storica

In veste di presidente della Bce Mario Draghi pronunciò quello che sarebbe diventato il suo discorso più famoso: ecco il retroscena. 

“Whatever it takes”: con una sintesi un po’ estrema si può affermare che Mario Draghi abbia cambiato il corso della storia dell’Unione europea con tre semplici parole, in quello che è poi diventato il più memorabile dei suoi discorsi. L’allora presidente della Banca centrale europea ha salvato l’euro e l’Unione monetaria nel momento più difficile per il progetto comunitario, guadagnandosi anche una voce anche nell’enciclopedia Treccani.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le tre parole più memorabili di Mario Draghi

“Nei limiti del nostro mandato, la Bce è pronta a fare qualsiasi cosa – whatever it takes – per salvare l’euro. E credetemi, sarà abbastanza”, scandì Mario Draghi a Londra il 26 luglio 2012, nel bel mezzo di una crisi del debito sovrano che, mettendo sotto pressione i titoli di Stato italiani (con lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi a 520 punti!) rischiava di mandare in frantumi l’eurozona. E il banchiere ebbe ragione: il suo “bazooka” è bastato (almeno finora).

Leggi anche –> Governo, quando il Pd diceva: “Mario Draghi non accetterà” – VIDEO

Mario Draghi era stato invitato dall’allora premier britannico David Cameron a parlare davanti a una platea di investitori alla Lancaster House, nel West End della capitale britannica. Il suo è stato un messaggio forte, che non ha lasciato dubbi sulle intenzioni della Bce. Nel giorno del “whatever it takes” lo spread tra Btp decennale e Bund tedesco è sceso da 520 a 473 punti, e gli hedge fund intenti a scommettere contro l’euro hanno abbassato le armi. La speranza, ora, è che Draghi riesca a compiere un miracolo simile nell’Italia senza governo travolta dall’emergenza pandemica.

Leggi anche –> Mario Draghi, chi è: età, carriera, vita privata dell’economista