Indice Rt è affidabile? Le differenze con l’indice Rdt usato dai tedeschi

Dall’indice Rt che si utilizza in Italia alla differenza con Rdt usato in Germania: ecco le novità e il metodo diverso 

Merkel Coronavirus

L’emergenza Coronavirus è presente ancora molto sul territorio italiano e non solo. Stessa cosa per Francia e Germania, che utilizza diversamente un indice un po’ diverso chiamato RDt rispetto a quello Rt usato in Italia. Con l’RDt si indica l’Indice di replicazione diagnostica a lag differenti, ossia ci fa capire la percentuale di diagnosi di positività che vengono notificate dopo un certo intervallo di tempo (lag) dalle precedenti diagnosi già notificate. L’indice RDt , che può essere calcolato a vari lag, viene ora calcolato ai lag 3, 4, 5 , 6, ma anche a lag differenti. Questa soluzione è più formativa invece di calcolare un unico indice come media degli effetti di replicazione ad intervalli differenti come viene fatto da varie altre fonti.

Leggi anche –> Londra, nuova variante di Coronavirus: allarme in tutta Europa

Indice Rt, cos’è? Le differenze nel concreto

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’Rt ci dice quante persone possono essere contagiate da una sola persona in media e in un certo periodo di tempo in relazione: in poche parole ci spiega il tasso di contagiosità. Facendo un esempio molto concreto, se l’Rt è 2 significa che ogni contagiato in un determinato tempo, può contagiare anche due persone e queste, a loro volta, altre due. Ma come viene calcolato? L’Rt viene calcolato solo sulle persone che presentano sintomi, ossia pazienti in ospedale o rimasti a casa, che hanno sintomi per Covid. Gli asintomatici non vengono presi in esame anche se sono a volte anche molti.

Conte