Coronavirus 1 febbraio: poco più di 7mila casi, ma calano i tamponi

Emergenza Coronavirus oggi 1 febbraio in Italia: poco più di 7mila casi, ma calano i tamponi, la situazione aggiornata.

(ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Ancora una volta, nel weekend, il monitoraggio della situazione per quanto concerne l’emergenza Coronavirus conosce una battuta di arresto e si assiste a un ricalcolo dei ricoveri ospedalieri. Sostanzialmente, se si guarda a un periodo di tempo più lungo, si nota comunque un arretramento.

Leggi anche –> Mariano Amici, chi è il medico del tampone al kiwi: “Basta insulti”

Nelle ultime 24 ore, infatti, si registrano 7.925 su un totale di 142.419 tamponi effettuati, tra antigenici e mononucleari. Questo sta a significare che il tasso di positività è a circa il 5,5% sul totale dei tamponi. Come abbiamo visto, con il riconteggio degli antigenici, diminuisce il numero di positivi sul totale dei test effettuati.

Leggi anche –> L’Italia è quasi tutta gialla. Quando arriverà l’ok per gli spostamenti tra regioni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus 1 febbraio Italia: la situazione aggiornata

(ALAIN JOCARD/AFP via Getty Images)

Per quanto concerne i decessi, sono stati registrati 329 morti e quindi si avvicina quota 90mila morti. Sono quasi 14mila i nuovi dimessi e guariti, così cala ancora il numeri degli attualmente positivi: oggi ci sono in Italia 447.589 malati di Covid-19, il che vuol dire che sono scesi sotto la soglia dei 450 e così dal 23 gennaio a oggi ci sono in Italia ben 50mila malati in meno.

Come sta accadendo spesso nel weekend, invece, si nota una risalita dei ricoveri totali, 201 in più e delle terapie intensive, che sono 37 in più. Un dato che comunque sembra essere sotto controllo e infatti i nuovi accessi nei reparti di terapia intensiva sono 145 in più. Stabile il dato sui conteggi negli ultimi sette giorni: si registrano 12.226 casi in media al giorno. Cala dell’undici per cento il dato sui decessi medi giornalieri e del 16% quello sulle terapie intensive.