Morte Maradona, spunta il messaggio Whatsapp del medico mai letto prima

Novità importanti per la morte di Maradona con la rivelazione di diversi messaggi su Whatsapp scambiati dal dottor Luque

Luque Maradona

Nuove rivelazioni importanti per quanto riguarda la morte di Diego Armando Maradona. Così è spuntato un nuovo messaggio su Whatsapp della mattina del 25 novembre, il giorno della scomparsa de “El Pibe de Oro”: “Non respira, non sento il polso: sembra morto”. Quest’ultimo è stato inviato dalla psichiatra Agustina Cosachov dalla casa di Diego Armando Maradona al neurochirugo Leopoldo Luque. Questi messaggi sono stati pubblicati dal portale Infobae.com, dopo l’inchiesta della Procura di San Isidro. E così si è venuto a sapere che la mattina in casa di Maradona era presente la dottoressa Cosachov, non Luque. La visita era programmata con Cosachov che si è presentata con lo psicologo Carlos Diaz per una visita programmata.

Leggi anche –> Diego Maradona, svolta nelle indagini: la polizia indaga su un nuovo sospetto

Leggi anche –> Maradona a Ballando con le stelle: la ballerina Angela racconta tutto

Morte Maradona, i nuovi messaggi Whatsapp

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tanti i tentativi per rianimarlo, ma Diego stava già male. Luque così ha inviato i seguenti messaggi dalla propria auto, mentre si dirigeva verso la casa che ospitava Maradona dopo l’operazione al cervello nel Barrio San Andrés a Tigre. Ecco i messaggi che sono stati pubblicati:

Luque: “Dimmi, è vivo?”
Cosachov: “Non lo so, è in arresto cardiaco. Lo stanno rianimando. Come Dio vorrà”.
Cosachov: “Sono scossa. Adesso stanno provando a rianimarlo. Sta per arrivare un’altra ambulanza. Non dicono niente”.
Cosachov: “Lo stanno rianimando però niente. Non possono trasportarlo perché è in arresto”.
Luque: “Fammi sapere se ce l’hanno con noi”.
Cosachov: “È morto Leo”.
Luque: “Ok”.

Luque Maradona