Arianna David, picchiata e sequestrata dall’ex: “Ha provato a investirmi”

Picchiata per strada, sequestrata in casa, minacciata: la verità sul dramma segreto vissuto da Arianna David.

Non tutti sanno che Arianna David, showgirl già vincitrice di Miss Italia nel 1993 ed ex concorrente dell’Isola dei famosi (nel 2005 e ancora nel 2012), ha alle spalle un dramma privatissimo. La 48enne anni è stata vittima qualche anno fa di un pesantissimo stalking da parte dell’ex fidanzato. Ecco il retroscena.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

La traumatica esperienza di Arianna David

Picchiata, sequestrata, a rischio della vita: Arianna David ha vissuto l’inferno per colpa del suo ex fidanzato, che ha anche minacciato di scioglierla nell’acido. “Sono finita in un vortice psicologico di terrore, poi è passato alle mani – ha ricordato l’ex reginetta di bellezza -: mi picchiava anche per strada, dove nessuno è mai intervenuto per difendermi. È arrivato a sequestrarmi in casa e ha tentato di investirmi”.

Leggi anche –> Arianna David | il racconto terribile a Mattino 5 | ‘Voleva uccidermi’

Arianna David è stata purtroppo vittime di un rapporto malato, cominciato poco dopo il suo divorzio quando sperava di poter trovare un nuovo amore che invece si è trasformato in un incubo. Ha vissuto mesi pieni di terrore, difficili da affrontare psicologicamente e fisicamente e con la costante paura di perdere la propria vita e mettere in pericolo quella dei figli che vivevano insieme a lei a Roma. E’ stato uno dei momenti più difficili della sua vita, come lei stessa ha raccontato a Mattino Cinque, mostrando le foto dei lividi sul volto e sulle braccia, segni tangibili di una violenza di cui si è liberata con tanta difficoltà.

Leggi anche –> Arianna David, chi è il marito David Liccioli: età, foto, carriera, vita privata

Quell’uomo aveva trovato il modo di esercitare un’enorme violenza psicologica su Arianna David, facendo pressione sui suoi stati d’animo, il suo senso di sicurezza e la sua identità di donna: “Io per lui ero una busta di plastica, vecchia, fallita…”. Il momento in cui ha toccato il fondo è stato quando ha minacciato di ucciderla: “Mi ha puntato una pistola in testa, non so se fosse carica…”. Poi, però, è cominciata la sua lenta rinascita.