Morto Giuseppe Laterza, il maestro della pasticceria made in Italy aveva 42 anni

Si è spento a 42 anni Giuseppe Laterza, mastro della pasticceria e della gelateria Made in Italy conosciuto in tutto il mondo.

Giuseppe Laterza non ce l’ha fatta, il pasticcere conosciuto in tutto il mondo si è spento a  42 anni, sconfitto da un tumore contro cui aveva lottato con coraggio per anni e a cui purtroppo si è dovuto arrendere. A dare la tragica notizia è stato il sindaco del suo paese natale, Palagiano (Taranto), Domenico Pio Lasigna che su Facebook ha scritto:

“Mancano le parole, manca il fiato. Ti dedichiamo i segni che lasci, perché possano continuare a raccontarci l’uomo che sei stato. Nulla finisce per sempre Caro Giuseppe. Il tuo ricordo resterà impresso nelle nostre vite. La comunità di Palagiano ti resterà grata per quanto hai saputo fare per tutti noi”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Giuseppe Laterza, il pasticciere che dalla Puglia ha conquistato il mondo

Giuseppe è nato a Palagiano e sin da bambino ha sviluppato una passione smodata per i gelati e la pasticceria. Una passione che al piccolo Giuseppe aveva trasmesso il padre Domenico. Proprio insieme al genitore aveva cominciato ad imparare i trucchi del mestiere quando aveva 12 anni, ovvero all’età in cui aveva cominciato a dargli una mano al Bar. Lo stesso bar che il giovane Laterza ha ereditato dal padre quando questo è morto. Sotto la sua gestione il bar ha cominciato a guadagnare una fama che supera i confini del paese d’origine.

Leggi anche ->Bimbo morto sul campo da golf: terribili sospetti

La sua bravura era tale che il suo gelato e i suoi pasticcini erano conosciuti in tutto il mondo, persino a New York. La scomparsa di Giuseppe ha lasciato un vuoto anche nei colleghi. La compagnia gelatieri, che riunisce i migliori gelatieri d’Italia, lo ha salutato con queste parole: “Un grande e talentuoso professionista, splendida persona che ha affrontato con grande coraggio e dignità le prove che la vita gli ha posto davanti senza mai darsi per vinto. Mandiamo le nostre preghiere e un grande abbraccio alla moglie Marilù e ai figli”.

Leggi anche ->27 mogli e 150 figli: l’incredibile famiglia di Winston Blackmore