Zona arancione, nuova mappa dal 31: chi passa in giallo FOTO

Il Ministero della Salute comunicherà a breve la nuova cartina della classificazione di rischio dell’Italia: meno zona arancione, sparisce il rosso.

zona arancione mappa
Dal 31 gennaio nuova mappa con cambiamenti dalla zona arancione e rossa FOTO Getty Images

La zona arancione e quella rossa potrebbero diventare presto gialle per molte regioni. Si aspetta la relazione ufficiale di Roberto Speranza, ministro della Salute, in seguito alla quale ci sarà un aggiornamento in merito a quella che sarà la nuova mappa delle fasce di rischio in Italia. E che entrerà in vigore a partire da domenica 31 gennaio 2021.

Leggi anche –> Crisanti, annuncio choc: almeno due anni per toglierci le mascherine

Tra le aree che non lasceranno di sicuro la zona arancione a partire da tale data c’è la Lombardia, che viene da una situazione particolare con l’inserimento in rosso per errore, durato una settimana. E con l’ISS che ha fatto sapere di avere diffuso ben 54 segnalazioni al governatore locale, Attilio Fontana, riguardo ad errori, incompletezze e/o incongruenze. L’Ente in pratica fa sapere che questo sbaglio sarebbe da attribuire esclusivamente a chi governa la Lombardia. Per questa situazione una decisione verrà presa il 7 febbraio, al termine delle consuete due settimane di monitoraggio previste dalla prassi. Chi dovrebbero lasciare la zona arancione per quella gialla senza particolari problemi:

  • Abruzzo
  • Friuli-Venezia Giulia
  • Liguria
  • Marche
  • Piemonte
  • Umbria
  • Valle d’Aosta.

Leggi anche –> Estate 2021, Crisanti ha le idee chiare: “Sarà diverso dal 2020”

Zona arancione, diverse regioni passeranno a quella gialla

Sono da valutare le posizioni di Lazio e Puglia, in giallo ma che potrebbero invece fare il percorso inverso e finire in arancione. si deciderà sulla base di tre criteri: tasso di incidenza dei contagi ogni 100mila abitanti; tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva ed in ospedale ed indice di contagio Rt più recente. Che da 1 a 1,24 porta automaticamente in zona arancione, al di sotto di 1 in zona gialla e da 1,25 in poi in zona rossa. Dovrebbero lasciare quest’ultima anche la Sicilia e la Provincia Autonoma di Bolzano.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Bollettino 28 gennaio 2020: altri 500 morti oggi in Italia

In giallo possono riaprire bar e ristoranti, con le dovute norme da dovere comunque rispettare. Ciò significa restare aperti fino alle ore 18:00 e potere consumare al tavolo od al bancone. Ci si può spostare poi su tutto il territorio regionale senza necessità di presentare l’autocertificazione e si può andare a mostre e nei musei.