Crisi di governo: mandato esplorativo a Roberto Fico

Ci sono delle novità per quanto concerne la Crisi di governo nel nostro Paese: di fronte all’empasse, dato mandato esplorativo a Roberto Fico.

(Ernesto S. Ruscio/Getty Images)

Il primo passo lo ha fatto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ma è difficile pensare che sia questo il passo decisivo. Infatti, il Capo dello Stato – terminate le consultazioni – ha convocato il presidente della Camera, Roberto Fico. La terza carica dello Stato è attesa al Quirinale a minuti.

Leggi anche –> De Luca senza freni: “Alcuni ministri M5S altrove farebbero i parcheggiatori”

A lui dovrebbe essere dato il mandato esplorativo, ma si tratta più di una prassi istituzionale, che della reale possibilità che si esca dalla crisi in tempi strettissimi. Difatti, il quadro politico uscito dalle consultazioni al Quirinale, dopo le dimissioni di Giuseppe Conte, è davvero eterogeneo.

Leggi anche –> Scandalo M5S: il deputato Riccardo Tucci indagato per evasione fiscale

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Roberto Fico al Quirinale? Quante possibilità ci sono per lui di fare il premier

(ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Infatti, il centrodestra si è espresso in maniera compatta per la fine della legislatura e il ricorso alle urne, mentre meno chiara è la posizione delle forze che potrebbero comporre la maggioranza. Non tutti infatti sembrano gradire il ruolo di Giuseppe Conte per un suo terzo mandato consecutivo. A questo punto, la palla passa così al Quirinale e Mattarella ha appunto fatto la prima mossa, convocando Roberto Fico.

Il presidente della Repubblica, al termine delle consultazioni, è stato lapidario: “Dai colloqui con le forze politiche è emersa una prospettiva di una maggioranza politica a partire dai gruppi del governo precedente. Ma va verificata. Assumerò per questo un’iniziativa”. Mattarella, nel suo breve intervento, ritiene “doveroso dar vita presto a un esecutivo, con un adeguato sostegno parlamentare per salvaguardare il nostro Paese”.

Gestione cookie