Coronavirus: Lombardia e Lazio zona gialla, nessuna in zona rossa

Cambiano i colori delle Regioni, legati ai divieti e alle norme Coronavirus: Lombardia e Lazio zona gialla, nessuna in zona rossa.

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Aggiornamenti importanti per quanto concerne la situazione dei colori delle Regioni italiane a partire da domenica 31 gennaio. Infatti, nessuna Regione sarà più in zona rossa e appena cinque sono quelle in zona arancione. Sono in area arancione soltanto Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la provincia autonoma di Bolzano – Alto Adige.

Leggi anche –> Coronavirus 29 gennaio: indice Rt scende e calano i positivi

Tutte le altre Regioni e Province Autonome sono in area gialla, promosse ad arancione sia Sicilia che la provincia di Bolzano. Nessuna regione resta così in zona rossa e altre importanti Regioni come Lombardia e Lazio passano da arancione e giallo. Insomma, i dati sembrano essere più confortanti.

Leggi anche –> Vaccino Pfizer, l’azienda ha favorito Israele: numeri impressionanti

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Quali sono le Regioni in zona gialla: non solo Lombardia e Lazio

(JACK GUEZ/AFP via Getty Images)

Questo è l’elenco delle regioni in zona gialla, dove cioè è consentito lo spostamento tra comuni: Campania, Toscana, Molise, Basilicata, Trentino, Lazio, Piemonte, Valle d’Aosta, Marche, Friuli, Abruzzo, Lombardia, Veneto, Emilia, Calabria e Liguria. In queste Regioni, inoltre, bar e ristoranti resteranno aperti fino alle 18 con il servizio al tavolo. Una sola la Regioni che resta con un rischio alto, ovvero l’Umbria.

Sono invece dieci quelle a basso rischio, mentre un altro dato importante diffuso oggi dall’Iss è quello che riguarda l’indice Rt che continua a scendere. Oggi infatti si ferma a 0,84, uno dei punti più bassi del mese. Per quanto riguarda la situazione dei contagi, anche nelle ultime 24 ore si è avuta un’ulteriore contrazione degli attualmente positivi. Ci sono oggi in Italia ufficialmente 467.824 persone affette da Coronavirus.

Gestione cookie