Beyoncé, grave lutto per la cantante: il cugino ucciso a colpi di pistola

La famosissima cantante americana Beyoncé sta vivendo un gravissimo lutto: il cugino è stato ucciso in una sparatoria.

Una tragedia ha colpito la bellissima cantante Beyoncé: nelle scorse ore, infatti, è stato trovato il corpo senza vita del cugino dell’artista americana. Il ragazzo, 34 anni, si trovava all’interno del proprio appartamento a San Antonio (Texas) e presentava diverse ferite di arma da fuoco e si pensa che possa essere stato ucciso in una sparatoria. I dettagli dell’indagine al momento sono pochi, ma la polizia sospetta che la colpevole dell’omicidio sia la 21enne Sasha Skare.

La ragazza è conosciuta dalla polizia per via di alcune denunce per spaccio di stupefacenti, ma soprattutto perché nel 2019 è stata indagata e accusata dell’omicidio del fidanzato. In quella occasione è stata scagionata per mancanza di prove: pare che la ragazza avesse organizzato un incontro tra il fidanzato ed un compratore di marijuana al solo scopo di derubare il cliente, ma il piano non sarebbe andato come previsto ed i due ragazzi avrebbero iniziato una sparatoria che è finita cola morte di Andrew Bass ed il ferimento dell’altro uomo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Kardone, chi era il cugino di Beyoncé

La vittima dell’omicidio era conosciuto da tutti come il cugino di Beyoncé. Cugino alla lontana in realtà, visto che sua nonna sarebbe la cugina della madre della cantante americana. Tanto è bastato però per fargli guadagnare quel soprannome a vita, un’etichetta che al ragazzo stava stretta, anche perché il giovane Martell De Rouane, il cui nome d’arte era Kardone, voleva sfondare nel campo della musica.

Leggi anche ->Grave lutto nel cinema: morta l’attrice Marie Harmon

Con tanto sacrificio, il rapper si era creato un background personale, aveva creato una fan base nella zona e cominciava ad acquisire un seguito importante anche su Spotify. Proprio il successo riscontrato sulla piattaforma musicale gli aveva permesso di ottenere un contratto con la The Orchard (sussidiaria di Sony Music), etichetta per la quale stava lavorando al primo album. In questi giorni stava lavorando alla produzione del singolo di Sasha Skare, la quale è scomparsa subito dopo la sua morte. Motivo per cui la polizia sospetta di lei ed ha diramato un mandato di cattura.

Leggi anche ->Lutto a Hollywood: il mondo del cinema ha perso un’icona femmminile