Benno Neumair, perché ha ucciso i genitori: il movente dell’omicidio

Benno Neumair, l’unico sospettato per la scomparsa dei coniugi, è finito in manette. Della coppia si erano perse le tracce a inizio gennaio.

Dopo settimane di indagini e controllo incrociati è scattato l’arresto nei confronti del giovane Neumair. Il fatto è accaduto questa notte a seguito della sua testimonianza.

Il ragazzo si era sempre dichiarato innocente. L’essersi costituito è stata quindi una mossa del tutto inaspettata. Al momento, Neumair si trova nel carcere di Bolzano.

Benno Neumair, si fa luce sul movente dell’omicidio

A momento su di lui gravano le accuse di omicidio volontario e occultamento di cadavere. Lunedì ci sarà l’udienza di convalida. In base a quanto riportato dalla nota della Procura, le indagini avrebbero portato alla luce nuovi elementi che permetterebbero di incastrare il giovane istruttore di fitness.

Leggi anche -> Coniugi scomparsi, arrestato per omicidio il figlio Benno Neumair

Al momento, il trentenne non avrebbe fatto alcun tipo di confessione e i corpi dei genitori risulterebbero ancora dispersi. Uno dei sospetti porta a pensare che siano stati gettati nel fiume Adige, ma i corpi non sono ancora emersi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le ricostruzioni e le testimonianze di amici e familiari avevano delineato un quadro familiare burrascoso. Il rapporto con i genitori era diventato ancora più conflittuale dopo che il ragazzo era tornato ad abitare con loro. Volevano aiutarlo a superare i problemi insorti con il doping, ma i litigi sarebbero aumentati sempre di più a quanto avrebbero riportato i vicini.

Leggi anche -> Coniugi scomparsi, ipotesi sull’arma del delitto sparita di colpo

Anche il suo alibi presenta una falla. Un buco di mezz’ora in cui il suo telefono è rimasto staccato, proprio nel giorno della scomparsa dei genitori. A ciò si aggiungono il tentativo di lavare l’auto, i vestiti lasciati nell’abitazione della fidanzata e varie incongruenze. Tra queste il ritrovamento di tracce di sangue di Peter Neumair nel luogo dove il 30enne si sarebbe fermato a fumare uno spinello.