Mehrdad Minavand, leggenda del calcio iraniano, morto di Coronavirus

L’ex centrocampista dello Sturm Graz, Mehrdad Minavand, leggenda del calcio iraniano, morto di Coronavirus a 45 anni.

(Mark Thompson /Allsport)

La leggenda del calcio iraniano Mehrdad Minavand ha perso la sua breve battaglia contro il coronavirus nella tarda serata di ieri. Aveva 45 anni. La notizia si è abbattuta sul calcio mondiale: infatti, il centrocampista è stato tra coloro che hanno contributo a far accrescere la fama di questo sport in Asia.

Leggi anche –> Festival di Sanremo, Albano all’attacco: “Rimandatelo!”

L’ex star internazionale iraniana, che ha anche giocato per club di calcio locali e stranieri, è stata ricoverata la scorsa settimana a Teheran dopo aver sviluppato sintomi acuti del nuovo virus. Dopo il ritiro, aveva allenato il Persepolis, squadra in cui aveva anche giocato e che oggi gli rende omaggio.

Leggi anche –> Asia Busciantella, l’ex collegiale ricoverata: “Lo so che è dura”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tributo per la morte di Mehrdad Minavand: ecco chi era

(GERARD CERLES/AFP via Getty Images)

In generale, in Iran, il decesso di Mehrdad Minavand ha destato grande cordoglio e in migliaia sono club, ex calciatori e attuali calciatori, allenatori e dirigenti, che non solo nel Paese persiano ma in tutto il mondo gli rendono omaggio. Anche la FIFA ha rilasciato una dichiarazione, affermando di essere “affranta” per la morte di Minavand, che ha aiutato l’Iran a registrare la sua prima vittoria in Coppa del Mondo – 2-1 – contro gli Stati Uniti nel 1998. La Confederazione asiatica di calcio in una dichiarazione ha espresso “sentite condoglianze” alla sua famiglia e ai suoi amici.

Il ministro dello sport iraniano Massoud Soltanifar nel suo messaggio ha definito la scomparsa di Minavand “un grande shock per la comunità sportiva”. Infatti, il calciatore viene ricordato proprio per essere stato ambasciatore nel mondo del calcio iraniano, insieme ad Ali Daei, che si è detto sotto sconvolto dalla morte del compagno di nazionale. Tra le altre squadre ha militato per club stranieri come Sturm Graz (Austria), Sporting Charleroi (Belgio) e Al-Shabab (Emirati Arabi Uniti). Con 21 presenze è stato il calciatore iraniano più presente in Champions League e con 64 presenze e 4 gol in nazionale uno dei più presenti con l’Iran.