California: dipendente ospedale morto dopo la seconda dose di vaccino

Un tecnico radiologo, dipendente di un ospedale in California, è morto per la reazione dopo la seconda dose di vaccino.

Morto per la reazione allergica al vaccino

Sta facendo discutere la vicenda di Tim Zook, un tecnico radiologo che ha condiviso la sua eccitazione per il vaccino contro il Coronavirus ed è morto giorni dopo. Sua moglie sostiene che il decesso sarebbe legato proprio a una reazione allergica al vaccino. Il messaggio dell’uomo era apparso su Facebook a inizio anno.

Leggi anche –> Piano vaccini Italia, i tagli di Pzifer ed AstraZeneca complicano tutto

Tim Zook, di Santa Ana in California, ha scritto: “Non sono mai stato così entusiasta di avere un vaccino prima. Ora sono completamente vaccinato dopo aver ricevuto la mia seconda dose di Pfizer”. Il 60enne ha caricato una foto del suo braccio con sopra un cerotto, così come uno scatto della sua scheda di vaccinazione.

Leggi anche –> Reazione violenta al Covid, bambina subisce amputazione delle gambe

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Il caso dell’uomo morto per la reazione allergica al vaccino

Ma poche ore dopo Zook ha avuto un mal di stomaco al lavoro e ha iniziato ad avere anche diverse complicazioni gravi a livello respiratorio.I suoi colleghi lo accompagnarono al pronto soccorso del South Coast Global Medical Center, con la moglie di Zook Rochelle che gli chiedeva: “Dovrei essere preoccupata?” Lui ha risposto “No. Assolutamente no”. L’uomo avrebbe anche detto alla moglie che i sintomi a suo avviso non erano quelli di una reazione allergica al vaccino.

La signora Rochelle ora teme che le iniezioni possano aver causato la morte prematura del marito: “Non stiamo incolpando nessuna azienda farmaceutica. Mio marito ha adorato quello che ha fatto. Ha lavorato negli ospedali per 36 anni e mezzo. Credeva nei vaccini. Sono sicuro che prenderebbe di nuovo quel vaccino e vorrebbe che la gente lo prendesse”. Ma aggiunge che “vorremmo che si sapesse cosa è successo a Tim, che quindi non è morto invano. Le reazioni gravi sono rare. In realtà, Covid è una forza molto più letale delle reazioni del potenziale vaccino stesso”.