Take That, annuncio incredibile: reunion 30 anni dopo

Il cantante Gary Barlow, ex Take That, fa annuncio incredibile: reunion 30 anni dopo, ci sarà anche Robbie Williams.

(Ian Gavan/Getty Images)

Gary Barlow ha rivelato che crede che i Take That si riuniranno, con tutti e cinque i membri che potrebbero esibirsi di nuovo insieme. La storica boy band che cambiò la storia del pop agli inizi degli anni Novanta, dunque, potrebbe rimettersi insieme, stando a sentire uno dei suoi fondatori.

Leggi anche -> Robbie Williams, dopo 25 anni dai Take That forma una nuova band

I Take That nascono nei primissimi anni Novanta e scalano le classifiche con brani come ‘Relight my fire’ e ‘Back for good’. Poi come ogni boy band che si rispetti, si sciolgono dopo qualche anno. Siamo nel 1996 e per primo lascia la band Robbie Williams, quindi ognuno prosegue nella carriera da solista.

Leggi anche -> Robbie Williams, trapianto di capelli andato malissimo: ora è ridotto così

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA  QUI

La seconda reunion dei Take That: c’è l’annuncio

(Sean Gallup/Getty Images)

Una decina di anni dopo, la band si ricompone senza Robbie Williams, che decide solo nel 2010 di partecipare alla prima reunion. Appena un anno dopo, il cantante lascia di nuovo la band e nel settembre 2014, è Jason Orange a prendere la stessa decisione. Ora Barlow ha dato speranza ai fan che i cinque favolosi domineranno ancora una volta il mondo. Lo ha detto al tabloid inglese The Mirror, evidenziando: “Penso che ci sarà, questa è una delle emozioni di essere nella band. Non sai cosa succederà di record in record ed è adorabile”.

Gary Barlow ha quindi proseguito: “Sono un posto molto sicuro, i Take That. È un ambiente incantevole. Sembra un rifugio sicuro. È un posto dove tornare quando hai giocato un po’ ed è ora di tornare a casa”. Insomma, nonostante a lungo e spesso si sia parlato di dissapori tra i componenti della band, Gary Barlow sembra smentire questa tesi. Del resto, anche Jason Orange, lasciando il gruppo, aveva spiegato che non c’erano assolutamente malumori, ma era una scelta personale.