Coronavirus 26 gennaio: giù i ricoveri e i positivi, ma 500 morti

Emergenza Coronavirus oggi 26 gennaio in Italia: giù i ricoveri e i positivi, ma oltre 500 morti, la situazione aggiornata.

(ALAIN JOCARD/AFP via Getty Images)

Da un lato, sembra sempre più lontano lo spauracchio di una terza ondata che avrebbe dovuto seguire le festività natalizie, dall’altro ancora è alto il numero dei decessi per Coronavirus in Italia. In mezzo, una serie di dati che possono essere visti non in maniera totalmente negativa.

Leggi anche –> Zona arancione, da domenica nuovi cambiamenti: la nuova mappa

Andiamo con ordine e partiamo dal dato dei nuovi contagi, che torna sopra i 10mila anche se il confronto va fatto sugli oltre 240mila tamponi, antigenici e molecolari, che sono stati effettuati nelle ultime 24 ore. Alto come abbiamo detto il numero dei decessi, che è nuovamente superiore a quota 500: sono 541 i nuovi morti e 86.422 i decessi totali.

Leggi anche –> Piano vaccini, rallentamento già prima della riduzione di Pfizer

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus in Italia oggi 26 gennaio: la situazione

(SEM VAN DER WAL/ANP/AFP via Getty Images)

Per quanto concerne la situazione degli attualmente positivi, questi sono circa 10mila in meno di ieri: ci sono in Italia 482.417 malati di Coronavirus. Dimessi e guariti nelle ultime 24 ore sono stati 19.256, mentre si allenta anche la pressione ospedaliera, dopo la risalita di ieri. Sono infatti in tutto 23.727 i ricoverati, 118 in meno in 24 ore. Calano a 2.372 le terapie intensive, ovvero un decimo di tutti i ricoverati e sono 162, quindi nella media, i nuovi ingressi giornalieri.

Se guardiamo ai dati confrontati sull’intera settimana, abbiamo 12.194 casi in media al giorno, 1.711 al giorno in meno rispetto a sette giorni prima, con un calo del 12 per cento. Sono invece 466 i decessi medi al giorno, un calo del due per cento, anche questo abbastanza costante come dato. Quasi un milione e mezzo di italiani ha ricevuto il vaccino, ma sono meno di 200mila coloro che hanno ricevuto la seconda dose.