Antonio Monda: chi è lo scrittore italiano che insegna a New York

Scrittore e docente presso il Film and Television Department dell’Università di New York, Antonio Monda è un’eccellenza tutta italiana.

Antonio Monda è un brillante scrittore e docente all’Università di New York, dove insegna Film and Television, mentre collabora con numerose prestigiose testate giornalistiche come Repubblica, Vogue, La Stampa e la Rai. Il New York Times gli ha dedicato due ritratti, nel 2007 e poi nel 2014, in cui era definito “un istituto di cultura raccolto in una sola persona” e “il custode della gloria di New York”. Una vera eccellenza italiana all’estero, ecco chi è Antonio Monda.

Antonio Monda, chi è e perché è così importante

Monda è nato a Velletri e ha vissuto tanti anni a Cisterna di Latina, prima di trasferirsi a Roma, città che lo ha accolto per gran parte della sua vita. Proprio nella capitale, si è laureato in Giurisprudenza presso La Sapienza e nel 1994 si è trasferito in quella che sarà una città chiave per il suo lavoro, New York, dove ha anche conosciuto sua moglie Jacqueline Greaves. Tuttoggi vive nella città statunitense con la consorte e i tre figli, Ignazio, Caterina e Marilù.

Leggi anche–> Chi è Roberto Peregalli: età, vita e carriera dello scrittore

Le pubblicazioni di Monda sono numerose: ha scritto dieci romanzi ambientati a New York nell’ottica di un progetto letterario unitario. Ogni storia ha come sfondo un decennio diverso del 20esimo secolo e alcuni personaggi sono ricorrenti in tutti e dieci i libri. Il primo volume della serie, vincitore del Premio Cortina D’Ampezzo, è “L’america non esiste“, ambientato negli anni ’50. Non solo romanzi, Monda ha scritto raccolte di raccontisaggiinterviste a grandi scrittori riguardo i loro film preferiti.

Leggi anche–> Andy Greenberg, giornalista e scrittore: chi è, carriera e curiosità

Alla pubblicazione di “Unworthy“, il grandissimo scrittore americano Philip Roth ha scritto, a riguardo: “Con finezza narrativa Monda ha realizzato un libro potente e compatto, che sembra un morboso racconto erotico del Boccaccio, nel quale viene esposto la tormentata lussuria del clero.” Una recensione davvero prestigiosa. Monda ha lavorato anche nel mondo del cinema, a cui è sempre rimasto molto legato: ha fatto da assistente ai fratelli Taviani e ha diretto diversi documentari.

Ha anche fondato festival letterari e curato mostre, come ad esempio quella al MoMa  e nel 2015 è stato nominato direttore artistico della Festa del Cinema di Roma. Un talento eclettico e un’eccellenza italiana, amata all’estero, Antonio Monda è vincitore di numerosi premi.