Bambino trovato senza vita nella culla: “Era freddo come il ghiaccio”

Un bambino trovato senza vita nella culla. E’ questa la terribile vicenda che ha sconvolto la vita di una famiglia. Le cause sono incerte. 

La giovane vittima si chiama Archie Sims. Il piccolo aveva solamente tre mesi quando è stato strappato alla vita. Il padre l’ha trovato privo di vita nella culla: una vera e propria tragedia familiare.

L’uomo, Michael Sims, si era svegliato nella notte per cambiare il pannolino del figlio, ma ciò che lo aspettava era una scena agghiacciante.

Bambino trovato senza vita nella culla: una tragedia familiare colpisce una famiglia londinese

In base alle ricostruzioni, il malore sarebbe sopraggiunto nella notte. Gli esperti credono si tratti di un collasso polmonare, ma non si riesce ancora a spiegarne l’origine. Il padre ha trovato il piccolo in condizioni disperate con del sangue che gli usciva dalla bocca e un solo occhio chiuso.

Leggi anche -> Bambino morto soffocato a Pavia sotto un cumulo di vestiti

Il genitore ha lanciato subito l’allarme e ha chiamato la sorella che è addestrata in manovre di pronto soccorso. Mentre la famiglia aspettava i soccorsi, la donna ha continuato le manovre di primo soccorso seguendo le istruzioni dei medici via telefono. All’arrivo dell’ambulanza, la corsa in ospedale non è servita per salvare il piccolo Archie.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

In base alle analisi dei medici, la quantità di sangue nei polmoni era talmente troppo elevata da rendere inutile i soccorsi. Si pensa a un’emorragia, ma le cause sono tutt’ora sconosciute. “In ospedale, i medici hanno continuato i loro tentativi di rianimarlo, ma non sono stati in grado di riportarlo indietro”, queste le parole del padre.

Leggi anche -> Ratto gigante attacca un bambino mentre dorme nella sua stanza

Archie non aveva problemi di salute, quindi i medici non capiscono come possa essere successa una tragedia del genere. “L’ho preso in braccio. Era freddo come il ghiaccio e ho provato a chiamarlo per nome”, ha poi aggiunto il genitore. Le sue parole fanno ben capire le condizioni disperate in cui si trovava il bambino. “Abbiamo il cuore spezzato in modo irreparabile” ha commentato la famiglia che nel frattempo ha deciso di organizzare una raccolta fondi per dare un ultimo saluto ad Archie.