Pensioni, quali possibilità con 35 anni di contributi

Pensioni, le forze politiche di maggioranza non hanno comunque perso il focus sul sistema previdenziale nonostante il Covid

Inps

Le forze politiche non hanno mai allontanato troppo l’attenzione sulle pensioni nonostante l’emergenza epidemiologica. L’ultimo intervento importante sul sistema pensionistico si è avuto con il cd. “Decretone” (D.L. n. 4/2019, convertito con modificazioni in L. n. 26/2019), che ha introdotto il meccanismo della cosiddetta “quota 100″, tanto conclamata a livello mediatico. Intanto, le condizioni generali per andare in pensione ad oggi sono le seguenti: A partire dal 1° gennaio 2019 si può accedere alla pensione di vecchiaia con 67 anni di età e almeno 20 anni di contributi versati. Il tutto è confermato anche dal 1° gennaio 2021. Nel caso specifico si volesse andare in pensione con 35 anni di contributi le condizioni sono le seguenti. Al momento non c’è questa possibilità, salvo pochi casi. La prima pensione disponibile per chi ha 35 anni di contributi è la quota 41 per lavoratori precoci. 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pensioni, chi può andare a 35 anni di contributi

Chi ha raggiunto tutti i requisiti contributivi richiesti, può  andarsene in pensione anticipatamente rispetto ai requisiti di età richiesti dalla pensione di vecchiaia. Quindi anche se non ha ancora raggiunto i 67 anni.

Nel 2021 le soglie contributive da rispettare, che consentiranno ai lavoratori di andare in pensione sono:

  • per gli uomini 42 anni di contributi e 10 mesi;
  • per le donne 41 anni di contributi e 10 mesi.

Grazie a opzione donna, le lavoratrici aventi diritto, potranno lasciare il lavoro in anticipo anche nel 2021, se entro il 31 dicembre 2020 avranno maturato i requisiti richiesti che sono: 58 anni di età (59 per le lavoratrici autonome) e 35 anni di contributi. 

Leggi anche > Scontro Fifa-top club sulla Superlega

Possono inoltre andare in pensione con 35 anni di contributi anche lavoratori invalidi che hanno versato 35 anni di contributi e 61 anni di età. Questi, in realtà, diventano 62 perchè al compimento del 61mo anno, bisogna attendere ancora dodici mesi prima di andare in pensione.

Leggi anche > Ragazzina di 13 anni scomparsa nel nulla

Inps