Il Festival di Sanremo rischia la cancellazione: cosa sta succedendo

Il Festival di Sanremo parte tra mille polemiche e in queste ore addirittura si profila qualcosa di clamoroso: la kermesse canora potrebbe essere cancellata ancora prima dell’inizio.

Sanremo 2021

Sono tante le precauzioni che il prefetto ed il sindaco di Sanremo hanno preso per salvaguardare la sicurezza dei partecipati al Festival: prima tra tutte, l’assenza del pubblico in sala. Gli unici che potranno entrare all’Ariston, oltre a musicisti ed ospiti, saranno figuranti pagati dalla RAI (obbligati da contratto a fare il tampone e mantenere le distanze).

Il rischio che questo 2021 non veda un Festival di Sanremo è sempre più forte

Carlo Rienzi, presidente del Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) ha dichiarato che non ci saranno eccezioni. 

Qualche settimana fa si era parlato di spostare tutto il pubblico su una nave da crociera: per l’occasione, la Costa aveva offerto la sua ammiraglia per ospitare coloro che desideravano vedere il festival nonostante il periodo difficile. Il pubblico avrebbe dovuto fare una quarantena sulla Costa Smeralda, in modo da rimanere in isolamento: platea ed artisti sarebbero stati sottoposti a continui tamponi così da evitare ogni pericolo.

Leggi anche -> Sanremo 2021 senza pubblico, le novità sulla nave da crociera

Purtroppo però l’idea della quarantena in crociera diventa di giorno in giorno sempre più improbabile: pare, infatti, che anche in questo modo non si potrebbe garantire la sicurezza per tutti coloro che desiderano vedere il Festival.

La decisione era stata contestata anche dai ristoratori ed albergatori di Sanremo, che così avrebbero perso la maggior parte dei clienti (in un momento storico che ha attaccato particolarmente questa categoria).

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Quale sarà il destino del Festival di Sanremo 2021 ancora non si sa. L’ultima parola la avrà il Codacons, e gli addetti ai lavori già si preoccupano.