Il Ministero della Salute fa dietrofront: i vaccinati scendono da 1 milione a 6mila

Il Ministero della Salute corregge il numero dei cittadini realmente vaccinati: 1 milione sono coloro che hanno ricevuto la prima dose.

In questo momento sociale e politico complicato, anche la comunicazione sui vaccinati è stata fumosa. Fino a qualche giorno fa leggevamo le dichiarazioni trionfali del premier Conte, il quale sottolineava il primato dell’Italia nella somministrazione dei vaccini, sostenendo che eravamo i la prima nazione europea ad arrivare ad un milione di vaccinati. Una dichiarazione che si basava su quanto affermato poco prima dal ministro Speranza, il quale in un tweet scriveva: “Un milione di persone vaccinate in Italia.
È il primo incoraggiante passo di questa maratona decisiva per il futuro di tutti noi.
Grazie alle donne e agli uomini del Servizio Sanitario Nazionale che con il loro lavoro straordinario rendono possibile questa impresa”.

A smentire tali proclami, così come sottolineato in un bell’articolo di approfondimento su ‘Open’, è la dicitura comparsa ieri sul sito del Ministero della Salute. Dal 19 gennaio, infatti, è possibile leggere la voce “totale vaccinati”, il cui numero, però, è soltanto 6.881. Una bella differenza rispetto al milione di cui si è parlato alla stampa e sui social fino ai giorni precedenti. Vi chiederete come mai vi sia una differenza così abissale tra il numero annunciato da Conte e Speranza e quello che appare sul sito del Ministero ed è presto detto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il Ministero cambia il numero dei vaccinati

Un milione di italiani si sono sottoposti alla prima dose del vaccino. Dunque è vero che sono state fatte oltre un milione di somministrazione. Tuttavia con i vaccini Pfizer e Moderna, la prima dose del vaccino non assicura l’immunità dal virus. Ciò significa che alla prima inoculazione i cittadini non possono essere considerati come vaccinati. Questo è il motivo per cui adesso sul sito del Ministero appare la voce “Totale vaccinati” e accanto quella “Somministrazioni effettuate”, che guarda caso corrisponde al totale di vaccinazioni annunciate nei giorni precedenti.

Leggi anche ->Vaccino, la proposta di Letizia Moratti: “Spartizione in base al pil della regione”

Si tratta di un errore di comunicazione non di poco conto. La prima dose di questi vaccini, infatti, concede un’immunità pari al 50%, dunque non è possibile considerare come vaccinate le persone che non hanno ricevuto il richiamo. Solo con la seconda somministrazione si raggiunge il 95% d’immunità dal coronavirus e dunque si può considerare vaccinata.

Leggi anche ->Vaccino anti Covid, tagli alle Regioni: quali sono le più colpite?