Revenge porn, ricatta intera famiglia con foto osé di una 14enne

Un uomo estorce del denaro a due genitori minacciandoli di diffondere le immagini a luci rosse avute dalla loro figlia. Altro caso di revenge porn.

Revenge porn 14enne
Caso di revenge porn a danno di una 14enne e della sua famiglia Foto dal web

Un brutto e gravissimo caso di revenge porn emerge ancora una volta e sconvolge la vita di diverse persone. Questa volta succede a Brescia, dove un extracomunitario di 21 anni ha ricattato e messo in scacco una intera famiglia. Colpa della relazione virtuale intrapresa con una ragazzina di 14 anni, convinta poi a scattarsi delle foto a luci rosse che lei stessa le ha consegnato, non curante delle conseguenze.

Leggi anche –> Guardia 37enne uccide la fidanzata minorenne e scaglia testa in giardino

Lui, di nazionalità egiziana, ha quindi minacciato prima lei e poi i genitori di diffondere quelle immagini. E forte di ciò, si è fatto consegnare 1200 euro in contanti. Ma questa vicenda di revenge porn si è conclusa con l’arresto del ricattatore dopo una denuncia presentata dai genitori della adolescente. La polizia di Brescia, coordinata dalla Procura locale, ha scoperto anche che l’uomo avrebbe richiesto alla giovanissima di avere con lui dei rapporti carnali. Inoltre era giunta una ulteriore estorsione di ben 5mila euro, sempre dietro la minaccia di rendere pubbliche le immagini scabrose.

Leggi anche –> Revenge porn, vittima della amante un ex calciatore del Sassuolo

Revenge porn, l’egiziano che ricattava intera famiglia arrestato in flagrante

Ad un certo punto la madre ed il padre della ragazzina non ne hanno potuto più e hanno sporto denuncia alla Polizia Postale. Gli agenti hanno organizzato con loro una strategia da mettere in atto in un finto appuntamento con il malintenzionato. Lì è scattato infine l’arresto in flagranza di reato.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Revengeporn, calciatore e figlia di un allenatore indagati a Brescia

L’egiziano si è visto sequestrare pure il suo smartphone, contenente le prove a carico dello stesso straniero. Al suo interno c’erano effettivamente immagini compromettenti con protagonista la minorenne e forse anche altre ragazzine. Aspetto, quest’ultimo, non ancora confermato.