Marito e moglie scomparsi, sospetti sul figlio: “Uccisi e gettati nell’Adige”

Un giovane è sospettato di avere ammazzato i suoi genitori, con marito e moglie scomparsi da inizio gennaio e dei quali non si hanno tracce.

marito e moglie scomparsi figlio
Figlio accusato di uccisione di marito e moglie scomparsi Foto dal web

Si stringe il cerchio attorno alla vicenda di marito e moglie scomparsi. Gli inquirenti stanno concentrando i loro sforzi sul figlio della coppia, composta da Peter Neumair e Laura Perselli. I coniugi vivevano nella loro casa di Bolzano assieme al figlio Benno, di 30 anni e professione istruttore di fitness. I pm hanno formalmente indagato il giovane per omicidio volontario ed occultamento di cadavere di marito e moglie scomparsi ormai dallo scorso 4 gennaio.

Leggi anche –> Padre uccide figlia, lei aveva 5 mesi: “Piangeva troppo”, ferite tremende

I due componenti della coppia erano entrambi insegnanti in pensione ed avevano rispettivamente 63 e 68 anni. La casa dei Neumair si trova attualmente sotto sequestro ed a disposizione degli investigatori per ulteriori raccolte di indizi. Ad ogni modo Benno Neumair è a piede libero e non sottoposto a nessun provvedimento cautelare. Il Corriere della Sera, che ha trattato il caso di marito e moglie scomparsi, descrive il 30enne come un istruttore molto appassionato di sport e che tiene anche dei corsi e dei tutorial sui social.

Leggi anche –> Pedone ucciso, ragazza lo investe e scappa via senza fermarsi

Marito e moglie scomparsi, per gli inquirenti il responsabile è il figlio

Ma lo stesso sarebbe anche dipendente da anabolizzanti. Per questo motivo sembrerebbe che Benno fosse tornato a vivere con i genitori anche se questo avrebbe dato adito a dei frequenti litigi. Gli inquirenti sono dell’idea che durante l’ultima discussione sia avvenuto il duplice delitto ed il figlio dei due coniugi si sarebbe poi sbarazzato dei corpi gettandoli nel fiume Adige.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Marito uccide moglie, succede dopo un litigio: lei era molto malata

Una deduzione figlia dell’ultima cellula attiva riconducibile al cellulare di Laura Perselli, che indica il Ponte Roma come ultima zona nota in cui lei era presente. Le forze dell’ordine, rappresentate da esercito e Guardia di Finanza, hanno impiegato dei droni e degli elicotteri per condurre delle ricerche dall’alto.

Gestione cookie