Vaccino anti Covid, tagli alle Regioni: quali sono le più colpite?

Novità importanti per quanto riguarda la distribuzione del vaccino anti Covid alle varie Regioni italiane: i problemi attuali

Vaccino Italia

Il vaccino anti Covid continua ad essere uno degli argomenti principali in Italia. Come riportato dall’edizione de “Il Corriere della Sera” ci sarebbe un taglio di circa 164mila dosi ed, inoltre, anche la distribuzioni tra le Regioni italiane cambierà. Quelle più piccole, in totale sei, come l’Abruzzo e l’Umbria, non perderanno nulla; ci saranno tanti guai anche in Friuli Venezia Giulia con le dosi dimezzate così come in Lombardia ed Emilia Romagna con 25mila in meno. Potrebbe avvenire così lo slittamento per la vaccinazione delle persone ultraottantenni. Inoltre, c’è subito stata la risposta della multinazionale americana dopo le contestazioni di Domenico Arcuri, commissario dell’emergenza, per l’arrivo delle nuove dosi: “Secondo le attuali informazioni le forniture saranno in linea con le previsioni”.

Leggi anche –> Vaccino Moderna, congelatore guasto: perse 800 dosi

Leggi anche –> Vaccino Covid, Pfizer taglia le scorte all’Italia: “Da lunedì -140mila dosi”

Vaccino anti Covid, botta e risposta a distanza

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Al momento non ci sarebbe tanta fiducia come si può leggere ‘c’è una prima evidenza del cambiamento ma non si dice in modo chiaro che le consegne riprenderanno come previsto dal contratto’. Inoltre, si può: ‘Desta preoccupazione e lascia pensare che non ci siano le condizioni per considerare archiviata l’ipotesi di un contenzioso’. Ora bisognerà capire cosa succederà dopo il 25 febbraio. Come riportano le fonti del Governo, i vari possibili tagli e ritardi potrebbero essere dovuti non legati ai lavori di potenziamento dell’impianto di Puurs, ma perché destinati verso Paesi extraeuropei, disposti a pagare di più. Ma pronta è arrivata la smentita dell’azienda Pfizer su questa ipotesi: ci saranno interventi mirati ad aumentare la produzione i vaccino da 1,3 miliardi a 2 miliardi di dosi, come rivelato dall’azienda.

Tagli vaccino Italia

Gestione cookie