Alberto Genovese, la ex: “Partecipavo ai rapporti a tre perché lo amavo”

Al cospetto del pm Sarah Borruso, ex fidanzata di Alberto Genovese, confessa tutto quanto avveniva nei famigerati festini con altre ragazza.

Alberto Genovese fidanzata
Sarah Borruso parla di cosa faceva col suo ex fidanzato Alberto Genovese nei famosi festini Foto dal web

Da due mesi Alberto Genovese è in carcere con l’accusa di violenza carnale ai danni di una ragazza. E nel frattempo sono emersi altri casi comprovati analoghi, che in diverse occasioni hanno visto partecipare anche la sua ex fidanzata (ma pare che i due stiano ancora assieme n.d.r.), Sarah Borruso, con un ruolo di complicità e di connivenza importante.

Leggi anche –> Genovese, il braccio destro Leali: “A certe piace farlo violento”

Almeno in due circostanze la ragazza, 25 anni, ha risposto alle domande del pm dicendo di avere capito di dover “chiarire il mio ruolo nella vita di Alberto”. Nel frattempo una 23enne accusa anche lei di uno stupro subito nella scorsa estate in una villa affittata ad Ibiza, con gli abusi perpetrati con il ‘solito’ metodo consolidato. E cioè, le vittime designate venivano prima drogate per renderle mansuete, poi subivano di tutto da Alberto Genovese. La stessa tattica sarebbe stata impiegata anche per violentare una 28enne dell’Europa dell’Est. E Sarah Borruso permetteva tutto questo “perché innamorata di Alberto”. Di tutte queste accuse ci sono o ci sarebbero delle riprese video estrapolate da telecamere di sicurezza e da telefoni cellulari. Anche di quella compiuta ad ottobre 2020 nell’attico milanese di Genovese che si affaccia sul Duomo e che ha visto come vittima una 18enne.

Leggi anche –> Genovese, “la giovane ex fidanzata lo aiutava negli stupri”

Alberto Genovese, la sua ex fidanzata svela tutto

Circostanza per la quale l’imprenditore ed informatico ora è in carcere. Lui era solito dare dei festivi a base di droga e di rapporti carnali in quella sua lussuosa dimora. Genovese amava i rapporti a tre, meglio se con pratiche estreme, coinvolgendo anche Sarah Borruso. Questo è quanto emerge dalle prove raccolte dagli inquirenti. E la stessa Sarah conferma tutto quanto al cospetto del pm, come riportato dal Corriere della Sera. “A me non piacevano particolarmente, erano una scelta di Alberto ed io lo facevo per amor suo. Quando capitavano ed io mi trovavo lì, vi prendevo parte. Mai è successo che io gli dicessi che mi piaceva qualcuna per poi adescarla. A volte proprio Alberto abbordava qualcuna e poi mi invitava a raggiungerli”.

Leggi anche –> Caso Genovese, la testimonianza: “Andavano alle feste per Belen e lo champagne”

“Rapporti a tre e festini senza dormire per giorni”

Parole rilasciate nel corso di un interrogatorio che si è svolto lo scorso 21 dicembre. La Borruso si difende dicendosi soggiogata dalla più forte personalità di Genovese e dalla paura di essere lasciata in caso di rifiuto. “A volte minacciava di lasciarmi per tornare con la sua ex. Allora lo assecondavo di più”. Lei poi conferma che gli ospiti delle feste alle Baleari venivano scelti in base alla loro inclinazione a fare uso di sostanze stupefacenti. “Lo faceva anche Alberto, e questa abitudine in comune lo rendeva a suo agio. Spesso ci si drogava e si ballava per tutto il giorno, è successo che non abbiamo dormito per quattro giorni di fila”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Caso Genovese, parla l’amico Daniele Leali: “Ecco di cosa aveva paura”

“La 23enne ad Ibiza era ben consapevole di tutto”

Ma Sarah nega le violenze sulla 23enne ad Ibiza: “Era consenziente e voleva la droga”. La stessa Borruso invece si sarebbe ravveduta già da tempo: “Non mi drogo più e questo è stato fonte di litigio con Alberto. La mia percezione della vita rispetto a qualche mese fa è diversa e migliore”. Invece lo stesso Genovese si è detto consapevole di avere un problema di dipendenza solo ora che in carcere. E si domanda per quale motivo nessuno mai lo abbia aiutato in precedenza.