Inps, assegni fino a 2000 euro: fino a quando potranno essere richiesti

Importante novità per chi ha la possibilità di richiedere gli assegni fino a 2000 all’Inps: ecco entro quando potranno fare la richiesta.

In questo periodo molto complicato, in cui molti lavoratori si ritrovano a casa a causa delle limitazioni imposte dal Covid-19, il governo sta concedendo diversi ammortizzatori per venire incontro alle difficoltà delle famiglie italiane. L’Inps, ad esempio, ha concesso  un assegno fino a 2000 euro per le famiglie con figli che si trovano in difficoltà a causa delle chiusure. Il termine ultimo per ottenere l’assegno era stato fissato inizialmente per la fine di questo mese, ma con la circolare numero 101/2021, l’istituto previdenziale ha informato che è stata concessa una proroga alla data di scadenza.

Il bonus in questione è stato chiamato Bonus Babysitter e viene concesso a quelle famiglie i cui componenti adulti stanno continuando a lavorare e non possono né richiedere il lavoro in smart working né alternarsi nell’accudire i figli rimasti a casa e neppure usufruire di un servizio di asilo nido. Il bonus, dunque, è interamente concesso per pagare il lavoro svolto dalla babysitter in questi mesi di difficoltà.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Inps, assegni fino a 2000 euro: proroga per acquisire il bonus

Bisogna chiarire, visto che online c’è una certa confusione a riguardo, che la proroga non riguarda la presentazione della domanda, bensì l’appropriazione del bonus e l’inserimento online delle prestazioni di lavoro svolte nel Libretto Famiglia. L’ulteriore concessione di tempo potrebbe concedere a molte famiglie di completare questa richiesta e avere accesso all’indennizzo concesso dallo stato.

Leggi anche ->Partita Iva, cos’è il bonus ISCRO: come si ottiene e a quanto ammonta

Nella circolare citata sopra (qui il link per leggerla per intero), infatti, viene precisato che l’istituto previdenziale si sta occupando delle domande residue e che il termine di presentazione delle domande è scaduto il 31 agosto scorso. D’altronde il bonus di cui si parla era stato stanziato per il periodo Marzo-Agosto 2020.

Leggi anche ->Pensioni, l’Inps pubblica il calendario dei pagamenti del 2021