Coronavirus, la variante brasiliana potrebbe ‘resistere’ al vaccino

Allerta Coronavirus, la variante brasiliana potrebbe ‘resistere’ al vaccino: dal Regno Unito lanciano il possibile allarme.

(JEFF PACHOUD/AFP via Getty Images)

Un nuovo ceppo del Coronavirus, la cosiddetta variante brasiliana, avrebbe il potenziale per eludere i vaccini. È la terza nuova variante emersa negli ultimi due mesi, che si aggiunge a una identificata nel Regno Unito e un’altra in Sud Africa. La notizia arriva dalla Gran Bretagna, in cui la campagna vaccinazioni è molto avanti.

Leggi anche –> Galli: “Vaccino a personale delle scuole, zone a colori non servono”

La Gran Bretagna ha infatti tre vaccini approvati contro il Coronavirus, dai colossi dell’industria farmaceutica Pfizer, AstraZeneca (di Oxford) e Moderna. Si teme che le nuove mutazioni possano essere in grado di schivare il sistema immunitario, anche dopo la vaccinazione o una precedente infezione.

Leggi anche –> Consigliera negazionista, le sue teorie su Bill Gates, vaccini, 5G e Dio

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

La variante brasiliana del Coronavirus e i rischi per il vaccino

Il professor Sharon Peacock, che sta conducendo la ricerca su nuove varianti nel Regno Unito, ha detto che alcune mutazioni sono di “sufficiente” preoccupazione per richiedere una ricerca approfondita in laboratorio. Non solo: il capo consulente scientifico del Regno Unito Sir Patrick Vallance ha ammesso che “non sappiamo con certezza” se i vaccini in fase di lancio funzioneranno sui ceppi del Brasile e del Sud Africa. I vaccini utilizzati nel Regno Unito funzionano istruendo le stesse cellule del corpo a produrre proteine ​​spike trovate sulla superficie del virus.

Il sistema immunitario individua queste proteine ​​e sviluppa anticorpi killer. In parole povere, quando veniamo infettati dal vero virus, il sistema immunitario ha un ricordo del “picco” in superficie ed è pronto ad attaccarlo. Simon Clarke, professore associato di microbiologia cellulare, ha dichiarato a The Sun: “Con tutte e tre le nuove fastidiose varianti ci sono cambiamenti nella forma della proteina spike sulla superficie del virus, che è l’obiettivo dei vaccini”. Quindi il timore è che alcuni dei cambiamenti riscontrati in queste varianti possano interferire con l’efficacia del vaccino.