Il 14 Gennaio 1990 nascevano i Simpson: tutte le predizioni in 31 anni

La serie animata i Simpson è oramai conosciuta a livello globale. Quest’ultima ha negli anni anticipato alcuni eventi storici. Scopriamoli.

La famosissima serie animata ideata dalla mente geniale di Matt Groening ha fatto molto discutere negli ultimi anni. Pare proprio che il cartone I Simpson abbia letteralmente anticipato, a volte in maniera velata ed altre volte in maniera sorprendentemente specifica, alcuni eventi storici. Il cartone è nato il 14 Gennaio 1990 e con gli anni è diventato praticamente un’icona. Recentemente ha festeggiato il suo debutto sul canale tv FOX, andando in onda a tutti gli effetti come serie a programmazione regolare. Scopriamo insieme tutte le predizioni in 31 anni di esistenza.

Leggi anche->Washington, I Simpson hanno previsto per due volte gli scontri – VIDEO

Una delle previsioni più scioccanti è stata senza dubbio quella dell’elezione di Donald Trump come presidente degli Stati Uniti. Nell’episodio andato in onda nel 2000, “Bart to the Future”, il ragazzo scopre che la sorella Lisa è diventata la prima presidente donna degli USA, e che il suo predecessore è stato proprio Donald Trump. La serie ha dedicato nel 2015 anche un episodio speciale a Trump presidente, un anno prima della sua effettiva elezione, il 6 Novembre del 2016.

Leggi anche->The Simpsons: ecco tutti i piatti della serie che si possono trovare agli Universal Studios di Los Angeles

A chi non è mai capitato di mandare un messaggio e di rendersi conto, soltanto dopo l’invio, di aver sbagliato a scrivere a causa del correttore automatico? Sembrerebbe proprio che l’invenzione di quest’ultimo sia comparsa in un episodio del 1994, in cui un messaggio di Homer Simpson viene completamente travisato dal correttore automatico di un palmare Newton, proprio della Apple.

Anche l’utilizzo dello smartwatch ha fatto parte di una delle previsioni dei Simpson. In una puntata del 1995 infatti l’orologio intelligente è stato utilizzato da Lisa per effettuare una chiamata. Praticamente 20 anni prima della sua reale comparsa nel mondo del mercato digitale.

Leggi anche->Coronavirus: la verità sulla ‘profezia’ dei Simpsons – VIDEO

Nel 2011, l’Università di Chicago ha per la prima volta inaugurato una biblioteca gestita interamente da intelligenze artificiali. Diversi anni prima, nel 1995, la giovane Lisa si è imbattuta, al college, in un simile ambiente, gestito proprio da bibliotecari robot.

Un’altra predizione scioccante è senza dubbio stata quella dello scandalo dell’NSA. Nel film andato in onda nel 2007, i componenti della famiglia iconica americana hanno paura che il governo possa intercettare tutte le loro conversazioni. Durante l’episodio figurano infatti i dipendenti dell’NSA intenti a compiere un simile lavoro. Esattamente sei anni più tardi, lo scenario si è dimostrato pressoché verosimile.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I Simpson: le predizioni che potrebbero avverarsi in futuro

Le predizioni fatte dall’iconica famiglia gialla americana, i Simpson, negli ultimi 31 anni hanno sorpreso praticamente tutti. Alcune previsioni non si sono ancora avverate, ma prossimamente potrebbero realizzarsi. In un episodio del 2005, ad esempio, compaiono le ‘hoover car’, ovvero le macchine volanti. Una simile tecnologia è oggi in fase di studio, ed è già utilizzata dalla Tesla per la progettazione di treni Hyperloop.

Un altro episodio ha trattato invece il tema della colonizzazione su Marte. La giovane Lisa infatti si offre volontaria per un viaggio di sola andata sul pianeta rosso. Attualmente il celebre Elon Musk, con il suo programma spaziale SpaceX, sta proprio studiando il modo di trasferire un cargo su Marte, un’utopia che presto potrebbe dunque trasformarsi in realtà.

In un’altra puntata ambientata nel futuro, Bart riceve da Nelson niente meno che una mail olografica. Gli ologrammi di tipo HD3 sono già parte della nostra tecnologia, ma siamo ancora lontani dall’utilizzo a scopo personale. Presto però potremmo forse davvero utilizzarli per lo scambio di mail o messaggi.