Rapita e venduta appena nata: così la giovane Belle ha ritrovato i genitori

Belle Barbu era stata rapita e venduta subito dopo la nascita: 25 anni dopo è riuscita a riabbracciare i suoi veri genitori. 

Ha davvero dell’incredibile la storia di Belle Barbu. La ragazza, 25 anni, è stata cresciuta negli Stati Uniti da una famiglia del Wisconsin: da sempre sapeva di essere stata adottata dalla Romania, ma non ha mai avuto certezza sulle sue origini e sulla sua famiglia biologica. Così, dopo una lunga e ostinata ricerca sulla sua vera provenienza, a 25 anni ha scoperto qualcosa che neppure lontanamente poteva immaginare.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

La storia a lieto fine della bimba rapita

Grazie alle ricerche, ai test del dna e a un gruppo Facebook che si occupa di ricongiungere i bambini rumeni adottati alle loro famiglie, Belle è riuscita a trovare i suoi veri genitori. Sapeva che si trovavano a Sadova e poco altro altro. Ma la fortuna è stata dalla sua parte: nel giro di pochi giorni il padre e la madre di Belle sono stati rintracciati in Italia.

Leggi anche –> Bambino rapito, pedofilo si vanta sul dark web: finisce così – VIDEO

Leggi anche –> Bambina di 4 anni rapita da uno sconosciuto in una stazione di servizio

Non appena l’ha saputo, Belle è subito partita dagli Stati Uniti alla volta del Belpaese. E una volta atterrata ha finalmente potuto abbracciare per la prima volta i suoi cari. L’ultima volta che i genitori biologici l’avevano vista fu in un ospedale della Romania, il giorno della sua nascita. Proprio lì la piccola, nata prematura, fu rapita, vittima di un losco traffico di neonati. Ai genitori fu detto che era morta per un presunto problema cardiaco e per via delle condizioni di salute troppo deboli.

Ma loro – contadini che hanno sempre vissuto in condizioni umili – non si sono dati mai per vinti, dopo essere venuti a conoscenza del traffico di bambini: hanno cercato la loro piccola ovunque, anche grazie all’aiuto dell’organizzazione Operation Underground Railroad. Il certificato di nascita di Belle – come quello di tantissime altre piccole vittime di casi simili – era stato falsificato e la su “adozione” aveva fruttato guadagni di migliaia di dollari.

EDS