Bebo Storti, chi è l’attore: età, carriera e vita privata

Bebo Storti è un comico e attore italiano, conosciuto per la sua partecipazione al programma televisivo Mai Dire Gol.

Alberto Storti, detto Bebo, è nato a Milano il 24 maggio 1956 ed è un attore, comico e politico italiano. I suoi genitori sono originari di Carrara ed il suo successo è da attribuirsi a programmi come “Su la testa!” e “Mai Dire Gol“.

Bebo Storti è conosciuto per i suoi personaggi del Conte Uguccione, Alfio Muschio, Thomas Prostata e Adelmo Stecchetti, presentati al programma condotto dalla Gialappa’s Band, “Mai Dire Gol“. Proprio per lo storico programma, travestito da uno dei suoi personaggi, si presenta alla cerimonia di apertura dei Campionati mondiali di sci alpino del 1996 tenutisi in Sierra Nevada nelle vesti di allenatore dell’unico rappresentante del Senegal. Ha stretto la mano al re Juan Carlos di Borbone rischiando l’incidente diplomatico con la Spagna, che in seguito inoltrò al Senegal la protesta. Ha preso parte a vari spot “Alla corte del Re“, la campagna pubblicitaria per la promozione del SuperEnalotto, dove ricopre il ruolo del sovrano.

LEGGI ANCHE -> Mago Heldin: chi è il prestigiatore ospite di “Stasera tutto è possibile”

LEGGI ANCHE -> Francesco Arienzo, chi è: carriera e curiosità sul comico napoletano

Bebo Storti, la carriera artistica e politica

Oltre ad essere stato presente a molti programmi televisivi, Bebo Storti ha partecipato a diverse fiction, come “1992“, “Non uccidere” e “Rocco Schiavone“. La sua carriera è stata segnata anche dai molti film ai quali ha preso parte, come quelli di Gabriele Salvatores che l’ha voluto in “Kamikazen – Ultima notte a Milano“, “Nirvana” e “Quo vadis, baby?“.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Inoltre Bebo Storti si è anche candidato alle elezioni europee del 2004 con il partito dei Comunisti Italiani per la circoscrizione Nord-Ovest, senza risultare eletto. Dalle elezioni regionali del 2005 è capogruppo del gruppo consiliare del Partito dei Comunisti Italiani al Consiglio Regionale della Lombardia. Per le europee del 2009 si candida con Sinistra Ecologia Libertà e raccoglie più di 6000 preferenze, in seguito si avvicina al Movimento 5 Stelle.