Sissy Trovato Mazza, il papà disperato: “Non si è suicidata”

Sono ormai trascorsi due anni dalla morte dell’agente Sissy Trovato Mazza. Ma la sua fine resta un mistero e suo padre continua a chiedere verità e giustizia.

“Mia figlia non si è suicidata, voglio che si sappia la verità”: il papà di Sissy Trovato Mazza, che due anni fa si spegneva dopo una lunga agonia, continua a chiedere giustizia ai microfoni di Chi l’ha visto?. I dubbi da chiarire sulle circostanze della morte della ragazza, a suo dire, sono ancora molti. Chi ha premuto davvero il grilletto?

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La misteriosa fine di Sissy Trovato Mazza

Era il 12 gennaio 2019 quando l’agente penitenziaria Sissy Trovato Mazza moriva dopo 3 anni di agonia. Era stata colpita alla testa da un proiettile mentre svolgeva il suo lavoro in servizio esterno all’ospedale civile di Venezia, e purtroppo ha portato via con sé la verità su cosa accadde veramente quel maledetto 1° novembre 2016.

Secondo le ultime indagini condotte dai consulenti della famiglia Trovato Mazza, però, ci sarebbero molti elementi a supporto della tesi omicidiaria. Ecco perché alcune settimane fa il gip Barbara Lancieri ha concesso un’ulteriore proroga alle investigazioni della Procura, che dovrà valutare gli elementi forniti dalla famiglia, a partire dalle tracce di sangue sulla scena dell’evento.

Leggi anche –> Sissy Trovato Mazza | la detenuta | “Uccisa per droga e sesso in carcere”

I sospetti della famiglia in questi anni si sono concentrati sull’ambiente di lavoro di Sissy, dove la ragazza si era fatto molti nemici: lei stessa aveva raccontato di tensioni e conflitti con le colleghe. Poco prima della morte la poliziotta aveva scritto una lettera per chiedere aiuto alla direttrice della struttura, Gabriella Straffi, segnalando presunti traffici di stupefacenti nel carcere e rapporti illeciti tra detenute e personale. La speranza è che ora tutti nodi vengano al pettine.

Leggi anche –> Sissy Trovato Mazza: insulti choc sui social alla poliziotta morta