Reggio Emilia, Mauro muore a causa del virus: aveva 45 anni FOTO

Un’altra giovane vittima uccisa dal virus. Mauro aveva solo 45 anni e si è spento a Reggio Emilia senza potere fare niente per salvarlo.

Reggio Emilia Mauro Zanardi
Morto il 45enne Mauro Zanardi a Reggio Emilia per via del virus FOTO Getty Images

Ancora una volta la pandemia in corso ha contribuito in maniera importante a fare sfociare in tragedia un ricovero in ospedale. A 45 anni è morto infatti Mauro Zanardi, residente a Boretto, piccola località in provincia di Reggio Emilia e finito da giorni all’interno del ‘Santa Maria Nuova’ della città emiliana. Lo aveva colpito una malattia importante, con anche una infezione sopraggiunta per via del virus.

Leggi anche –> Uomo morto, scopre di essere negativo poi la tragedia in ospedale

Alla fine il quadro clinico di Mauro è peggiorato sempre di più ed il suo fisico provato non ha retto. La morte è avvenuta nello scorso fine settimana. Nella giornata di lunedì 11 gennaio si sono già svolti i funerali, con un rito riservato a pochissimi parenti, come imposto dalle normative anti contagio attualmente in corso. A piangerlo sono diversi parenti tra genitori, fratello, cognata e le due nipoti, ma non solo. La morte di Mauro a Reggio Emilia ha colpito in tanti, per via della sua età relativamente giovane.

Leggi anche –> Vaccino AstraZeneca, grosse novità per fine gennaio anche in Italia

Reggio Emilia, la morte di Mauro segna tutta la comunità

È vero che lui era già sotto sforzo per via di una malattia pregressa, ma quanto di triste gli è accaduto deve fare da monito a tutti. Ci sono anche situazioni per le quali soggetti giovani e senza alcuna patologia in corso hanno pagato con la vita il fatto di essere divenuti infetti.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Beve gel igienizzante, studente grave in ospedale: succede a scuola

A causa di responsabilità direttamente imputabili a loro oppure per sfortunate casualità. Sul web in tantissimi stanno ricordando Mauro, rimarcando in particolar modo le sue grandi passioni, ovvero la musica ed i motori. Proprio a Boretto ammonta a 7 adesso il numero di morti legati alla pandemia, dopo la prematura dipartita di Mauro.